Le prime parole di Della Femina al Sant’Agnello

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Le prime parole santanellesi di Attilio Della Femina

Le prime parole santanellesi di Attilio Della Femina

Sant’Agnello – Ultimo in ordine di tempo tra i rinforzi accordati dal presidente Negri a mister Guarracino per la prossima stagione di Eccellenza, Attilio Della Femina vuole aiutare i biancoblu a scalare la classifica del campionato dove alla prima partecipazione è stata ottenuta una brillante salvezza. Dopo l’esperienza all’Us Angri dove ha mostrato grandi doti tecniche e balistiche, la società si aspetta molto da lui e il centrocampista con un passato alla primavera del Napoli vuole ripagare la fiducia: «Sono contento di essere qui, vogliamo conquistare tranquillamente la salvezza per poi cercare di puntare ai playoff, siamo una squadra giovane ma competitiva».
La prima impressione, dopo una settimana di lavoro agli ordini di Guarracino, è positiva. Le premesse per una stagione all’altezza della precedente e forse anche di più ci sono tutte: «Ho visto un bel gruppo, mi sono trovato molto bene con il mister e la prima impressione è ottima». Il primo impegno ufficiale della squadra contro la Boschese, in Coppa, a Poggiomarino, non rappresenta solo un allenamento ufficiale ma è comunque un banco di prova importante per mettere insieme le prime idee di quello che sarà il Sant’Agnello 2013-2014: «Ci dobbiamo impegnare contro chiunque – continua Della Femina – la Coppa può essere un obiettivo importante e vogliamo giocarcelo, se si andrà avanti bene, se invece no ci avremo provato comunque». Uno sguardo, infine, al Girone B del campionato che quest’anno, senza le corazzate Vico e Torrecuso promosse in D, risulta più equilibrato ma dove spicca comunque qualche squadra favorita: «Angri e Scafatese secondo me sono le suadre più forti, ma ci sono tante formazioni tutte competitive, certo senza le due corazzate dello scorso anno il campionato sarà più aperto».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!