Sorrento, Pitino:”Io al Catania? Nulla di ufficiale”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Potrebbe lasciare Sorrento dopo due mesi il ds Pitino

Potrebbe lasciare Sorrento dopo due mesi il ds Pitino

È stata la notizia del giorno quella di Marcello Pitino sul punto di lasciare la terra delle sirene e sbarcare alle pendici dell’Etna nel Catania.
Il direttore sportivo del Sorrento potrebbe andar via dopo solo due mesi di lavoro in rossonero nei quali ha ricostruito una squadra dalle fondamenta dopo al retrocessione della passata stagione.
“Non c’è nulla di ufficiale”. Una risposta secca e breve da parte dell’uomo mercato dei rossoneri.
Una scelta importante che lo porterebbe di nuovo in Sicilia dopo gli inizi di Leonzio.
“E’ un’offerta importante, ma non so se si verificherà”, spiega Pitino che non vuole sbilanciarsi.
Una vita nel calcio. Quel “pallone” che gli mette di fronte una grande chance.
“Percentuali? Macché. Sarebbe una gratificazione per quello che ho fatto. Nel calcio tutto può cambiare dall’oggi al domani”.
La sua creatura, il Sorrento, domenica ha perso un match che alla fine della prima frazione meritava ampiamente di vincere.
“Che dire, forse anche il pari ci sarebbe andato stretto – analizza il ds -. Abbiamo pagato delle ingenuità. Un primo tempo nel quale abbiamo giocato benissimo e che avremmo meritato di chiudere con un risultato più rotondo. Poi il calo fisico e gli episodi ci hanno condannato”.
Disamina lucida di una gara che al termine del primo tempo in tanti davano alla portata dei costieri, ma che, nella seconda parte, si è trasformato in un ko inatteso.
Sul fronte del mercato tanto lavoro per costruire un team giovane, ma al tempo stesso di qualità che potesse dare i giusti risultati. Un impegno incredibile per provare a centrare la permanenza tra i pro.
“E’ stato fatto tutto quelli che andava fatto – chiarisce Pitino -. Secondo i parametri della società abbiamo perseguito i nostri obiettivi sia in entrata sia in uscita. Se c’è un rammarico? Forse. Cercavamo un centrale mancino”.
Alla fine una casella è rimasta vuota, ma si cercherà di colmarla a breve fiondandosi sul mercato degli svincolati.
“E’ vero. Per completare la rosa a disposizione del mister con più soluzioni andremo alla ricerca della persona giusta nelle liste degli svincolati per mettere a segno l’ultimo colpo”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!