Danucci:”Mettiamo da parte gli errori”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Per Danucci (foto Pollio) si è perso per "errori da evitare"

Per Danucci (foto Pollio) si è perso per “errori da evitare”

Ciro  Danucci, regista di centrocampo classe ’83 è uno dei primi arrivati in rossonero e commenta così la prestazione della squadra contro la Vigor Lamezia.
“ Questa sconfitta ci servirà da lezione per il futuro, il campionato è difficile ma non dobbiamo abbatterci alle prime avversità. Bisogna reagire e mettere in campo maggiore personalità”.
Come spiegarsi allora questo doppio atteggiamento ?
“La presenza di molti giovani sicuramente ha influito. Siamo riusciti a passare in vantaggio dopo pochi minuti e questo ci ha permesso di giocare bene e in maniera più semplice e spensierata. Poi abbiamo preso il gol a causa di un’ingenuità e il morale è calato”.
C’è invece chi ha parlato di veri e propri problemi della difesa ma Danucci tiene a precisare che “ Non si tratta di problemi difensivi. I nostri avversari in effetti hanno segnato su calcio di rigore e soprattutto a causa di nostri errori che potevano essere benissimo evitati. Si parla quindi di errori del singolo di fronte ai quali il mister non può fare  nulla se non dare indicazioni per cercare di rimediare al peggio”.
Che siano dovuti all’inesperienza o a semplici distrazioni si parla comunque di troppi sbagli “La sconfitta di Ischia in coppa Italia doveva esserci da insegnamento. Quando gli errori si ripetono vuol dire che c’è qualche problema e sta a noi capire per non ripeterli in futuro”.
Bisogna però tener presente che la squadra messa in campo da mister Chiappino non ha ancora raggiunto una vera e propria identità dato che è stata costruita in più fasi con  giocatori che arrivavano in diversi momenti. Nelle prossime settimane sarà proprio questo l’obbiettivo da raggiungere: creare un gruppo coeso e compatto. Le ostilità sono appena cominciate e il team è dotato di ottimi elementi ognuno dei quali perfettamente in grado di contribuire alla difficile impresa di restare tra i professionisti. “Il calcio è fatto di episodi – precisa Danucci prima di abbandonare la sala stampa – sarebbe stato diverso andare in spogliatoio sull’1-0.  Invece è successo che la squadra si è allungata, cosa che non dovrà più succedere, e abbiamo perso una partita che avremmo meritato ampiamente di vincere”.

Cristina Esposito

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!