La stagione del Massa inizia in piazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Foto a cura di Lello Acone

Foto a cura di Lello Acone

Canti, balli, pennette e fuochi.
Si apre così ufficialmente la stagione del nuovo Massa Lubrense.
Tutto targato vice presidente Franco Ruocco.
Il dirigente massese non ha voluto far mancare l’apporto della città alla compagine locale.
Largo Vescovado gremito per stringere in un unico abbraccio i nero azzurri.
Un roster con qualche novità, bomber Apuzzo su tutti, ma che ha perso D’Esposito, Di Leva e Stinga.
Si attendono novità sotto l’aspetto under.
Gargiulo predica calma.
“La salvezza prima di tutto e quanto prima”.
Un anno che sarà ancora difficile, ma nel quale il sodalizio di via Arenaccia cercherà di portar via la permanenza nella massima categoria regionale del dilettantismo.
Il capitano Cacace ha chiaro in mente come farlo.
“Gruppo. Lo scorso anno ci siamo affidati a quello per salvarci e quest’anno non possiamo cambiare le carte in tavola. Non possiamo permettercelo”.
Il presidente De Gregorio è schietto.
“E’ già una vittoria essere qui – conclude il massimo dirigente nero azzurro -. Noi non ci montiamo la testa, conta solo salvarsi. È sempre difficile ripetersi. La nostra garanzia è mister Gargiulo”.
Una festa e una presentazione che il club non aveva mai avuto nella sua storia.
In silenzio Massa e il Massa Lubrense si sono fusi in un unico abbraccio. L’obiettivo è creare sempre una maggiore sinergia tra le parti per spingere i nero azzurri alla salvezza.
Un campionato che presenterà molte difficoltà. Piazze importanti e voglia di rilancio.
La piccola realtà costiera, però, sa come si fanno le cose per bene. In silenzio e senza clamore si sta lavorando per blindare l’Eccellenza.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!