Italian Radical Trophy: Celentano si gioca il titolo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

02Due gare in due circuiti diversi, ma che hanno in comune l’unico obiettivo percorribile: il titolo dell’Italian Radical Trophy. Non solo Laureti e Celentano in corsa, ma anche gli altri perché da intascare ci sono complessivamente 68 punti.
È ancora tutto da decidere.
L’Italian Radical Trophy arriva al giro di boa senza alcun verdetto.
Dopo essersi messo alle spalle Vallelunga, Magione e il Mugello, adesso si arriva sullo storico tracciato di Imola.
La pista è stata uno dei punti fermi del mondiale di F1 nel corso degli anni che furono, adesso vedrà le performanti barchette inglesi misurarsi nella quinta prova del Campionato Italiano Prototipi.
A disposizione dei protagonisti della classe dedicata alla Radical Sr3 motorizzata 1500 ci saranno 68 punti in totale.
17 per ogni singola gara. Al di là della vittoria chi vorrà tentare di togliere la prima piazza provvisoria a Simone Laureti dovrà cercare di avere il piede pesante.
Restano solo Imola e Misano per ribaltare il tutto.
Laureti è riuscito ad occupare il primo gradino del podio in tre circostanze. Con 73 punti guida la classifica, Celentano segue con un successo.
Sarà testa a testa sino alla fine, ma la graduatoria lascia aperta la possibilità di rientro anche per altri piloti Radical.
I due alfieri della casa costruttrice inglese si sono dati battaglia a colpi di pole position e giri veloci. Un punto per pole e giro consente a Laureti di ampliare il margine a Magione in gara due, ma Celentano aveva approfittato di gara uno per far sua vittoria e giro record.
Un testa a testa che si protrarrà sino alla bandiera a scacchi dell’ultima gara.
Due piloti alla seconda esperienza in Radical che fanno viaggiare le barchette d’oltremanica al massimo e rendono la vita durissima a tutti gli antagonisti.
Nelle altre due manche dell’IRT due vincitori differenti a testimonianza dell’equilibrio che regna nella manifestazione. Le vittorie se le dividono equamente Fassitelli e il Michele Esposito.
Al volante della Radical si è anche cimentato il  noto attore Ettore Bassi che fa della passione per le auto il suo hobby. Tutto nella prima gara di Vallelunga. Tra i volti noti anche Paolo Barilla. Un cognome una garanzia, ma che ha alle spalle anche trascorsi nell’epoca pionieristica della F1.
Sarà battaglia a Imola e Misano.
In testa alla particolare graduatoria della under 25 c’è in testa il giovane Francesco Celentano.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!