9° Torneo Beach Soccer Città di Piano di Sorrento: Un successo per tutti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Foto concessa dall'organizzazione del 9° torneo Città di Piano di Sorrento

Foto concessa dall’organizzazione del 9° torneo Città di Piano di Sorrento

Entusiasmo a gogo per la nona edizione del torneo di Beach Soccer Città di Piano di Sorrento.
Nella cave della scuola media “Gaetano Amalfi” sono scorsi via 18 giorni all’insegna dello spettacolo e del divertimento.
Mai un’azione banale, mai una gara semplice, questo è il beach. Una disciplina che richiama un numero crescente di praticanti.
Hanno visto giusto i componenti dell’associazione Amici di Sorrento, quando nove anni or sono mandarono in scena la prima edizione.
Antonio e Cristiano Guarracino, Francesco Nardo, Gennaro Inserra si sono calati nella parte e grazie alla disponibilità della preside Sagliocco e della amministrazione Ruggiero hanno messo su una kermese di primo livello.
I numeri dicono che è stata l’ennesima vittoria. Di anno in anno cresce ogni volta di più la voglia di grandi e piccolini di misurar all’interno dei 20 metri e poco più del campo esterno di volley della scuola inondato di sabbia finissima e dorata.
Serate a tema mai banali, lotterie e applausi a gogo.
Le innovazioni continuano a coinvolgere un numero crescente di persone.
Restare al top è difficile, farlo per nove anni ancora di più.
La carta che il “deus ex machina” Antonio Guarracino ha giocato è di quelle azzardate, ma non troppo: i giovani.
Infatti, spazio a tutti. Non solo le categorie juniores e seniores, ma anche l’opportunità per i giovani atleti della terra delle sirene di misurarsi in una disciplina nuova ed affascinate.
Dai primi calci ai pulcini, dagli esordienti ai giovanissimi. Tutto dai sei anni in poi messi fianco a fianco per crescere.
I genitori non hanno mai fatto mancare il proprio apporto tra un applauso e una pacca sulla spalla.
Lo sport è anche questo.
100 squadre iscritte complessivamente alla manifestazione, oltre 550 atleti partecipanti, oltre 200 partite sono i dati con i quali la rassegna del beach soccer è andata in soffitta. Un periodo di pausa di otto mesi, poi si inizierà a lavorare per la decima annata. Ripetersi sarà difficile, migliorarsi ancora di più.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!