Sorrento, parla Mastellone: “Siamo vivi e abbiamo una mentalità vincente”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il vice-presidente Gaetano Mastellone

Il vice-presidente Gaetano Mastellone

Le prime dichiarazioni ufficiali del nuovo corso del Sorrento sono state affidate a Gaetano Mastellone, il vice-presidente con delega alla comunicazione e al marketing.

Ecco il suo pensiero, esposto durante la presentazione ufficiale dell’allenatore Luca Chiappino e del direttore sportivo Marcello Pitino

Siamo vivi. Nonostante lo scorso anno sia terminato con la retrocessione, noi vogliamo ripartire con una mentalità vincente. Lo facciamo con un direttore sportivo, Marcello Pitino, che ha una lunga ed importante storia alle spalle, e con un mister, Luca Chiappino, che ha collaborato con una società gloriosa come il Genoa. Abbiamo voluto porre delle basi solide e di esperienza. Entrambe queste persone sono rinomate per essere brave a gestire a pieno le risorse concessegli: entrambe, infatti, possono essere definite “aziendaliste” e, soprattutto, credono molto nel senso di appartenenza.  Per questo pretenderemo dai calciatori che abbiano semplicemente rispetto per la maglia.

Per il ruolo di allenatore in seconda e preparatore dei portieri ci stiamo ancora organizzando. Lo stress del fare a volte porta all’errore, per questo siamo voluti partire dall’alto con due figure professionali di spessore, serietà e competenza. Successivamente, sceglieremo il resto dello staff. Anche per quanto riguarda il ritiro, non c’è alcuna fretta. Ci penseremo dalla prossima settimana, perché il campionato inizia a settembre e la Coppa Italia non ci interessa. In generale abbiamo atteso qualche settimana in più prima di partire per non commettere gli stessi errori dello scorso anno e puntare su personalità come Pitino e Chiappino che non hanno bisogno di presentazioni e che ci aiuteranno a costruire un gruppo di giovani validi con esperienze pregresse in Lega Pro a cui aggiungeremo 4-5 elementi esperti.

L’accordo con il Genoa è “in progress”. Ai dirigenti grifoni abbiamo chiesto un supporto tecnico, che si è concretizzato nella persona del mister Chiappino e si concretizzerà in qualche calciatore che dalla Liguria potrà giungere in costiera. A tal proposito è doveroso ringraziare la famiglia Preziosi, che ci ha aperto le porte della società.

Riguardo alla questione delle cariche societarie resta tutto invariato. A nome della società voglio ringraziare l’avvocato D’Angelo per quello che ha fatto l’anno scorso, rispettando in pieno il budget stanziato ad inizio della passata stagione: peccato solamente che la retrocessione ci ha penalizzato con un gap di 150mila euro. Retrocessione che, è bene dirlo ad alta voce, è stata causata da calciatori che non hanno reso per quello che era il loro valore.

A nome di tutto il gruppo, coeso, di persone che gestisce il Sorrento calcio chiedo un supporto da parte degli altri imprenditori. Un ringraziamento speciale va ovviamente a Gianluigi Aponte, patron di MSC, senza il cui sponsor il calcio a Sorrento sarebbe tramontato già da tanti anni e anche a “Piazza Italia”, che proprio ieri ci ha confermato la sponsorizzazione, a “Perel-Dixe”, “Ovest Destination” ed “LHP Hotels”. Dai tifosi, invece, mi aspetto una campagna abbonamenti che sia decisamente migliore rispetto a quella dello scorso anno”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!