La corsa del Vico Equense finisce qui

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

stemmaNon è riuscita l’impresa di iscrivere il Vico Equense al campionato di serie D.
La società azzurro oro dopo aver combattuto contro tutto e tutti ha passato la mano.
Fine di una storia, di un amore per i tifosi costieri.
Dopo gli anni delle grandi emozioni targate Savarese e quello vissuto sotto la guida di patron D’Auria scompare la squadra nella quale Armellino ha mosso i primi passi nel professionismo.
Un anno, l’ultimo, del quale i tifosi ricordano le emozioni, le paure e l’entusiasmo per aver conquistato la prima piazza dopo un estenuante testa a testa con il Torrecuso.
Dopo aver presentato la richiesta telematica è mancato il supporto monetario per pagare le quote alla Lega di serie D.
Ci ha provato il triumvirato composto da Mancini, Vanacore e Guida, poi la cordata di Celentano, ma nessuno ha fatto in tempo.
Il Vico scompare senza neppure un battito di ciglia.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!