Massa Lubrense: Ecco il restyling societario

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
L'ex presidente del Massa Lubrense, Bruno D'Amato, torna consigliere

L’ex presidente del Massa Lubrense, Bruno D’Amato, torna consigliere

Un passo diretto nel futuro. Il Massa Lubrense si rifà il look a livello dirigenziale.
Cambio di cariche e deleghe nel sodalizio nero azzurro.
A lasciare la squadra della sua città è Pasquale Cangiano. Motivi strettamente personali hanno spinto lo storico dirigente massese a passare la mano.
Il presidente della passata stagione, Bruno D’Amato, torna nella veste di consigliere nel Cda del sodalizio di viaArenaccia.
Questo il comunicato del club:

Nella serata di ieri si è insediato il nuovo Consiglio Direttivo dell’ASD Massa Lubrense calcio.
Preso atto delle dimissioni dalla carica presentate dal Presidente uscente D’AMATO e quelle dal sodalizio per motivi strettamente personali di CANGIANO Pasquale e MELE Angelo, e con il ritorno di Raffaele DE GREGORIO e le new entry di Fabrizio SCHIAZZANO e Francesco ESPOSITO, questa la nuova composizione dell’organigramma societario:
Presidente: DE GREGORIO Raffaele; Vice Presidente: RUOCCO Francesco; Cassiere: SCHIAZZANO Fabrizio; Segretario: D’ESPOSITO Giovanni; Consiglieri: AMURA Giuseppe, D’AMATO Bruno, ESPOSITO Antonino, ESPOSITO Francesco, MASTROMANO Gianfranco.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!