Vico: il Cicciano si tira fuori, domani il termine per l’iscrizione

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vico Equense – La notizia dell’accordo tra il presidente D’Auria e il Cicciano per la cessione del titolo sportivo del Vico si è rivelata ufficialmente nella serata di ieri come una indiscrezione clamorosa e nulla più. Dalle pagine de ilgiornalelocale.it arriva la conferma del tramonto del sogno D per la società che ripartirà con nuova linfa e un nuovo organigramma societario dall’Eccellenza mantenuta nell’ultima stagione dopo un ottimo campionato. A questo punto la più seria candidata alla cessione del titolo all’esterno della penisola non è più tale e la palla resta nelle mani degli imprenditori che si sono fatti avanti per far disputare al Vico la D. Mancini, Guida e Vanacore, il “triumvirato” che sembra candidato a salvare il calcio nella città dell’università della pizza hanno tempo fino a domani alle 18.00, termine ultimo e improrogabile, per iscrivere la squadra alla prossima serie D. Il tempo stringe, ma la speranza di poter vedere la squadra nella massima serie dilettantistica non sembra  per nulla svanita.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!