A Fermo la Lubrensis cerca un altro titolo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

taafFermo – Ancora poche ore e la Lubrensis potrebbe arricchire la sua esaltante stagione con un altro titolo tricolore. A Fermo infatti alle 18.00 partirà la prima edizione del Campionato Italiano 5vs5 cat. 430 Kg outdoor su pedana, dove la società massese che ha già fatto man bassa di scudetti parte tra le favorite alla conquista dell’alloro. Nel piazzale Girfalco della cittadina marchigiana si affronteranno, in una sfida avvincente, otto squadre più cinque contrade: si tratta, oltre alla Lubrensis, degli eterni rivali dei Cobra Fermo, dei Firmum Bellatores, dei piemontesi della Alionti e di Asti, già partecipanti questi ultimi alla tappa sorrentina del campionato italiano indoor; chiudono la rosa delle contendenti i romani di Santa Vittoria, i marchigiani della Polisportiva Serralta di San Severino e i Firmu 2. Le cinque contrade locali non affiliate alla Figestr ma ammesse a partecipare saranno invece quelle di Fiorenza, San Bartolomeo, Campiglione , Molini Girola e Capodarco. In caso di girone unico all’italiana saranno le prime quattro squadre classificate a giocarsi semifinali e finali, mentre nel caso di formazione di due gironi le prime due classificate di ogni gruppo si contenderanno il titolo. La prima tirata avrà luogo alle 18.00 dopo la conclusione della pesatura degli atleti.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!