Memorial Zio Pino: FitClub-Contatto Capelli, quanta classe!

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il cerchio del VII Memorial Zio Pino si chiude con una squadra ricca di classe e talento che potrebbe risultare una delle principali candidate al titolo di questa edizione. Una squadra capitanata dall’estro di Carlo Amato che proverà a guidare i compagni verso il massimo risultato, con in porta due certezze: i fratelli Gerardo e Gianluca Amoruso, un passato nel futsal nazionale con all’attivo importanti titoli. Si continua con altri nomi importante del futsal campano come quelli di Nino Somma e Stefano Volpe, talento cresciuto nello Csen. Ancora grandi nomi in una squadra in cui potrebbero però “servire due palloni” considerati gli spiccati individualismi: si continua con il forte centrocampista del Sant’Agnello di Guarracino Vittorio Inserra, con Raffaele D’Esposito, ultima stagione, importante, a Massa dopo aver saggiato gli altissimi livelli con Treviso, Nocerino e con il Vico dei miracoli, Mirko Veniero, esperienza in Bulgaria per lui. Chiudono il roster il mancino di Francesco Maresca e Giuseppe Carotenuto, ex Sant’Agnello, che impreziosiscono una squadra sulla carta davvero molto forte. Non resta che attendere l’inizio del Memorial per capire dove la FitClub-Contatto Capelli potrà arrivare.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!