Beach volley, spettacolo al tramonto. Ecco i vincitori

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Si è chiuso il torneo regionale di beach volley al Lido Marinella.

Una fase della finale femminile al Torneo Regionale di beach volley al Lido Marinella

Meta – Si chiude con uno spettacolo che fa bene all’anima il torneo regionale Fipav al Lido Marinella. Dopo una seconda giornata intensissima e ricca di spettacolo, la coda della manifestazione ha regalato il meglio. Si sono giocate infatti a partire dalle 16.30 le finalissime del torneo al termine delle eliminatorie e dei matches per completare la graduatoria del torneo. Sul gradino più basso del podio sono saliti per il tabellone maschile i favoriti della vigilia il brasiliano Andrè Coelho in coppia con Francesco Vanni, che in una semifinale dall’alto tasso tecnico sono stati battuti per due set a zero da Andreatta e De Paola mentre nella finalina hanno faticato non poco a superare Multisanti e Zurini, battuti in semi da Lupo-Mazza, che si sono piazzati, dopo la sconfitta per 2-0, in quarta posizione. Bellissima la finale, non solo per la grande qualità espressa dai giocatori in campo. Andreatta e De Paola hanno faticato a battere Lupo e Mazza dopo una lunga battaglia punto su punto. Il primo set ha premiato i primi, vincenti con il punteggio di 21-19. Secondo set speculare, con i romani a invertire la rotta e a portare la sfida al tie break. Due cartellini rossi e qualche incertezza sul fronte punteggio ha tenuto il fiato degli spettatori ancora più sospeso, ma alla fine Andreatta e De Paola hanno avuto la meglio vincendo 15-12. Da cartolina lo sfondo del match, con un fantastico tramonto a vegliare sugli ultimi punti del torneo e a rinfrescare finalmente, dipingendo di rosso mare e campo di gioco, due giorni torridi.
Il tabellone femminile non ha deluso le aspettative. Le ragazze, per la prima volta in un torneo ufficiale in penisola, hanno dato il massimo in tutte le gare; in semifinale la coppia Bisceglia-Delli Quadri ha superato Montenegro Guadagnino guadagnandosi la finale. Dall’altra parte Aricò e la già campionessa italiana Mazzulla hanno avuto la meglio su Di Martile e Cristofaro. Per il terzo posto l’hanno spuntata Di Martile e Cristofaro vincendo per 2-0 (21-13 e 21-17), sulle comunque positive Montenegro e Guadagnino. La finalissima ha invece premiato dopo due set la coppia favorita della vigilia formata da Aricò, al primo torneo di beach volley in carriera, e Mazzulla, che hanno regolato Delli Quadri e Bisceglia con i parziali di 21-14 e 21-19. Si chiude così il primo grande appuntamento del beach volley in penisola di questa estate che, a qualche ora dall’esordio ufficiale nel 2013, si prannuncia già calda e appassionante.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!