Folgore U13 3×3: soddisfatto mister Gargiulo dopo Assisi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Le parole di Paolo Gargiulo dopo le finali nazionali di Assisi

Le parole di Paolo Gargiulo dopo le finali nazionali di Assisi

Assisi (PG) – Mister Paolo Gargiulo commenta con soddisfazione il risultato della sua squadra alle finali nazionali Under 13 3×3 tenutesi nel weekend ad Assisi. Qualche sbavatura non rende meno importante quanto fatto dalla giovanile lubrense che ha affrontato squadre di livello come la Robur Angelo Costa Ravenna vincitrice della prima edizione del torneo, piazzandosi infine al 25° posto su 42 squadre. «E’ andata bene, siamo soddisfatti, nel girone iniziale abbiamo affrontato squadro forti come Ravenna che poi ha vinto, come Schio che si è piazzata all’ottavo posto e con Città di Castello giunta dodicesima. Dopo il quarto posto nel girone iniziale siamo capitati in un girone di ferro finendo per giocarci il 25° posto. Con Ravenna siamo riusciti a giocarci un set fino alla fine, perdendo 15-13, siamo contenti, abbiamo battuto squadre forti».
Uno principalmente il rammarico dell’allenatore, quello di non poter portare in Umbria due atleti della squadra impegnati negli esami di terza media: «Dispiace per l’assenza di due nostri atleti, abbiamo cercato di far presente alla federazione questo problema ma non si poteva più far nulla. Peccato anche per i campi all’aperto che non sono piaciuti a molti, i ragazzi hanno giocato sotto un sole cocente, c’è stata qualche carenza nell’organizzazione. Sono soddisfatto per il piazzamento, questo non è un punto d’arrivo per me ma un punto di partenza e siamo molto fiduciosi per il futuro per l’Under 14». Appuntamento a domani per la Folgore, quando i campioni provinciali dell’Under 13 6×6 affronteranno le semifinali regionali per cercare di portare a casa il secondo titolo campano della stagione.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!