Folgore: buon piazzamento ad Assisi per la Under 13 3×3

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Assisi (PG) – Si è conclusa positivamente per la Folgore Massa la prima finale nazionale della storia della società, che ha visto impegnati i ragazzi della Under 13 3×3 neocampioni regionali arrivati a giocarsi il titolo italiano di categoria insieme ad altre 41 formazioni provenienti da tutta la penisola italica. Prima edizione assoluta per la categoria e ambientazione da urlo: si è giocato infatti all’aperto, seppur sotto un sole cocente, con alle spalle la  Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli. Squadra non al massimo dopo le defezioni che hanno colpito il team diretto da Paolo Gargiulo con la collaborazione di Maria Laura Esposito dopo la scellerata decisione della Fipav che ha piazzato l’importante appuntamento proprio durante gli esami di terza media nei quali erano impegnati molti degli atleti. Davvero tosto il girone iniziale durante il quale i massesi si sono confrontati con importanti realtà come la Robur Angelo Costa Ravenna, campione d’Emilia Romagna, gli umbri della Sir Volley Perugia, l’Auxilium Volley Schio per il Veneto, i valdostani della Bruno Tex Acli Volley, gli altoatesini dello Sport Team Sudtirol. La Folgore ha terminato il girone piazzandosi al quarto posto contro squadre che poi si sarebbero piazzate molto bene in classifica, due delle quali nei primi dieci con Ravenna vincitrice assoluta della manifestazione. Terminato il primo girone i giovani lubrensi hanno affrontato un altro girone contro le squadre di Trento, Bolzano e Lamezia Terme, un raggruppamento agguerrito e difficile. Sono arrivate due sconfitte contro Trento per 3-0 e Bolzano, contro la quale la Folgore ha ben figurato vincendo un set e il terzo posto finale ha permesso ai ragazzi di giocarsi le semifinali per il 25°-26° posto finale. Nella semi vittoria per la Folgore contro la Teate Chieti mentre nella finalina è stata la squadra di Firenze a cedere ai peninsulari. Si è chiuso così con un bel 25° posto, soddisfacente considerate le defezioni, il primo appuntamento della Folgore in una finale nazionale. Peccato davvero per la scelta della Federazione che non ha permesso a due atleti di partecipare a questa manifestazione così importante, dopo aver compiuto grandi sacrifici avrebbero meritato di timbrare il cartellino. Avranno tempo a disposizione, perchè la Folgore promette di non fermarsi.

©Riproduzione Riservaa

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!