Sorrento con il rebus Ds

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il 30 giugno scade il contratto di Avallone (foto Penna). Rinnovo o no? Resta il rebus.

Il 30 giugno scade il contratto di Avallone (foto Penna). Rinnovo o no? Resta il rebus.

Dopo un anno travagliato c’è ancora un punto interrogativo alla voce direttore sportivo in casa Sorrento.
Salvatore Avallone non è riuscito nella scorsa annata a portare in costiera giocatori in grado di blindare la C1. Dopo una rincorsa durata 30 giornate e due gare di play-out, il Sorrento è retrocesso.
Il 30 giugno scade il suo contratto. Resta il quesito: rinnovo o no?. Al momento tutto lascerebbe presagire un cambio di rotta.
La piazza ha più volte chiesto la testa dell’uomo mercato del sodalizio di via corso Italia. Un nome che non è più spendibile per tenere a bada i tifosi, ma che resterà in sella sino alla fine del mese.
Nessun dubbio si scegliesse oggi, le strade dei costieri e di Avallone si dividerebbero senza dubbio.
Di nomi nuovi non ve ne sono all’orizzonte. I supporter chiedono una persona di spessore che possa ricostruire da capo una rosa che al momento si basa solo su: Polizzi, Musetti e Beati.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!