In casa Apd Carotenuto inizia la festa. Le ragazze sono in D

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

IadivisioneApdFLa gara è di quelle che rimangono impresse per sempre per queste giocatrici, per il mister i dirigenti e per i pochi ma ottimi tifosi della Apd Carotenuto.
Per la matematica promozione in serie D bastava un punto, ma non è stato semplice ottenerlo. Si parte con la formazione tipo, Iaccarino Paola in regia e D’Esposito opposto, Savarese e capitan Iaccarino di Banda, Russo e D’Angiolo a centro, Bagnulo libero e in panca vanno De Caro, Soldatini e Palomba.
Nei primi punti le squadre si equivalgono, ma poi il Mariglianella prende il sopravvento grazie a ottimi attacchi e alla poca reazione delle santanellesi, tanto da essere un set a senso unico.
Il secondo parziale comincia malissimo per Sant’Agnello che va subito sotto, nonostante i cambi di Soldatini per D’Angiolo a centro e tra De Caro e Paola in regia, non si riesce a cambiare ritmo.
Poi ecco che comincia il primo segnale di svolta, una rabbiosa Savarese comincia ad attaccare mettendo in difficoltà le avversarie. La svolta non è tanto nel punteggio ma nella testa. Le ragazze si svegliano e cominciano finalmente a giocare come sanno e si tenta l’impresa che purtroppo finisce sul 25-22.
Nel corso del terzo set la Apd Carotenuto dà fondo a tutte le energie. La formazione che entra in campo, con il cambio tra Soldatini e D’Angiolo, ha la rabbia per cercare questo punto importante e gioca, gioca e gioca fino a vincere il terzo parziale.
Adesso si dovrebbe correre verso la vittoria del quarto set e invece le ragazze mollano. Si parte ed è subito 5-1 per le avversarie, ma una serie di battute del capitano ci riportano sul 5-5 pari, ma subito le napoletane si riportano avanti prima sul 10-5, poi sul 13-6 ed infine sul 16-8. Ma quando ormai per chiunque possa sembrare tutto perso, non lo è per questa squadra.
Iaccarino Paola va in battuta, il capitano e una rinata D’Esposito cominciano ad attaccare come forsennate, dietro ormai non cade neanche la polvere a terra e Sant’Agnello si fa sotto 19-17. Ormai l’inerzia della partita è cambiata. Sant’Agnello è devastante e Mariglianella ha paura. Il braccino del tennista, anche se si parla di volley colpisce le partenopee. Sul 20-17 va in battuta il capitano e con una serie di difficoltosi servizi mette in seria crisi la ricezione avversaria. Savarese e D’Esposito ormai non si fermano più e si vola sul 22-20. Ultimi punti al cardiopalma, Mariglianella annulla il primo set-ball, ma sul 24-23, ricezione perfetta palla a centro a Russo che bombarda e finalmente si può sfogare tutta la gioia per questo grande traguardo.
Il quinto set è pura formalità per le biancoblu che a fine partita possono festeggiare.

Apd Carotenuto Sant’Agnello – Mariglianella 2-3
(16/25 – 20/25 – 25/22 – 25/23 – 6/15)
Apd Carotenuto: Iaccarino Paola, D’Esposito opposto, Savarese,  Iaccarino, Russo, D’Angiolo, Bagnulo (l), De Caro, Soldatini e Palomba. All.: Celentano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!