Apd I Divisione F: è serie D!

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Promozione conquistata per la I Div F dell'Apd Carotenuto

Promozione conquistata per la I Div F dell’Apd Carotenuto

Sant’Agnello – La formazione di prima Divisione femminile dell’Apd Carotenuto allenata da Morgan Celentano ce l’ha fatta. E’ serie D! Nella sfida contro Mariglianella che chiudeva il mini girone finale dei playoff promozione alla squadra santanellese serviva un punto per il salto di categoria ed un punto è arrivato puntualmente seppur in una gara terminata con una sconfitta per 2-3. Più difficile del previsto per le ragazze costiere che sono subito andate sotto nel primo set, perso per 16-25 e hanno rimediato una sconfitta anche nel secondo parziale, dove il conteggio dei punti santanellesi si è fermato a 22. La reazione delle atlete di mister Celentano non si è però fatta attendere: nel terzo set la situazione si è infatti ribaltata e Sant’Agnello ha portato a casa il parziale con il punteggio di 25-22. Una volta intravisto l’obiettivo, l’Apd ci si è fiondata e ha conquistato matematicamente la pomozione in D vincendo il quarto set per 25-23. Inutile ai fini del risultato il tie break vinto dalle mariglianesi con il punteggio di 6-15. Grande soddisfazione per la società e per le ragazze che coronano un anno di sacrifici con una promozione meritata.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!