Rossi: “Non ho ancora digerito la retrocessione”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Generoso Rossi, parole d'amore per il Sorrento

Generoso Rossi, parole d’amore per il Sorrento

Sorrento – «Dopo circa 15 giorni la retrocessione non l’ho digerita». A parlare e’ Generoso Rossi. Capitano in pectore del Sorrento targato prima Bucaro e poi Aldo Papagni. Lui di personalità ne ha da vendere. Ha accettato qualsiasi cosa pur di rientrare all’Italia dalla porta principale per difendere i pali dei costieri. «Sono voluto tornare e adesso non vorrei andare via». Dichiarazioni d’amore anche dopo una retrocessione. «A pensare alla sfida di Prato ci sto male. I dieci punti di differenza in classifica si colmano col cuore e con la determinazione. Forse non tutti ci hanno messo la stessa percentuale che ho utilizzato io».
Non ha paura di andare giù duro l’estremo difensore. Da tre anni nella terra delle sirene dove si è costruito la propria dimensione a misura d’uomo. «Io amo questa terra e la sua gente. Le parole che ho detto? Me ne prendo le responsabilità anche se alla fine qualcuno storcerà il naso». Contratto in scadenza al 30 giugno, voglia di prolungare, ma di evitare le telenovelas della passata annata. «Io sono disponibile immediatamente a firmare». Sembra tornare il leit motiv dell’estate scorsa. Firma, non firma. Un dilemma amletico che che ha colpito il sodalizio di via corso Italia. I tifosi ne chiedevano a gran voce la riconferma, poi il 30 giugno il saluto commosso a Sorrento e ai sorrentini. Alle idi di novembre il come back. «Io voglio restare. Le querelle le lascio ai dirigenti. Generoso Rossi vuole il Sorrento, ma al momento il Sorrento non ha sondato Generoso Rossi». Se da una parte i vertici della società sono alla continua ricerca di continuità, il mercato langue. Per restare tra i professionisti bisognerà centrare una delle prime nove piazze della classifica. «Confido nell’operato della società. Sanno che devono fare presto per intervenire e rifare la squadra».  Si veste anche da uomo di calcio che sa di calcio il portiere partenopeo. «Ripartire da Rossi. Perché no! Io giocherei al Sorrento anche in Eccellenza». Alla fine un invito che suona tanto da avvertimento per la dirigenza. «Il 30 giugno mi scade il contratto, ma io aspetto, però, quest’anno non si potrà aspettare in eterno. Amo Sorrento, ma di fronte ad altre richieste non dirò no a prescindere». Questa la lettera d’amore che il pipelet napoletano recapita alla piazza sorrentina. Adesso messi a posto i primi tasselli di mercato bisogna imprimere l’accelerata decisa e mettere nero su bianco con un uomo spogliatoio importante come Rossi.

Fonte: Metropolis

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!