Vico: attesa per la sentenza dell’Alta Corte del Coni

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

tetaVico Equense – Sale l’attesa per scoprire quale sarà la sentenza definitiva che chiuderà il caso Teta e deciderà sui ricorsi presentati dalle squadre interessate alla telenovela. L’Alta Corte del Coni, alla quale sia i sanniti sia la Calpazio si sono rivolti dopo la decisione della Commissione Disciplinare Territoriale che aveva ribaltato la sentenza di primo grado, che aveva tolto al Vico tre punti fondamentali in chiave promozione, dovrebbe pronunciarsi nella giornata di domani, sancendo la fine di una querelle che dura ormai da troppo tempo. Il Torrecuso intanto dopo aver eliminato i molisani del Fornelli nel primo turno degli spareggi interregionali per la D, ha conquistato la vittoria contro i siciliani del Due Torri avvicinandosi in maniera importante al salto di categoria grazie al 3-1 firmato dal solito trio delle meraviglie formato da Montaperto, Carotenuto, Zerillo.
In casa Vico si continua a lavorare in ottica D e la sentenza non desta preoccupazione. Non dovrebbero infatti esserci sorprese all’atto della scoperta della decisione della Corte, ma tutto è rimandato alla giornata di domani, quando i giochi saranno ormai fatti e si potrà finalmente tornare a parlare esclusivamente di calcio giocato.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!