Vico a un bivio per il prossimo allenatore

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il ds Buonomo e il presidente D'Auria guardano al futuro.

Vico Equense – In attesa della sentenza dell’Alta Corte del Coni che domani alle 17.00 deciderà sul caso Teta, in casa Vico si continua a lavorare alacremente per preparare una squadra all’altezza della prossima Serie D. Il direttore Salvatore Buonomo di concerto con il presidente D’Auria ha il compito di sciogliere in prima analisi il nodo allenatore, dopo la fine dell’avventura di Andrea Ciaramella. Insistente e concreta la pista che porta a Ciccio Troise, ex timonere di Sporting Salerno e Torrecuso, ma nelle ultime ora prende forma l’idea che porterebbe sulla panchina vicana Raffaele Ametrano, ex calciatore di Napoli, Juventus, Juve Stabia ed Avellino che ha iniziato la propria carriera di allenatore come vice a Brindisi. Una ipotesi suggestiva quella dello stabiese ma per ora non è stata presa nessuna decisione in merito. La sensazione è quella che sarà corsa a due per la panchina di un Vico che dovrebbe tornare a calcare nuovamente le scene della massima serie dilettantistica.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!