Apd Ia Div F: La cronaca della gara con la Partenope

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

IadivisioneApdFSi ritrovano ancora una volta di fronte Partenpope e Apd Carotenuto per  contendersi l’accesso alla serie D.
Le ragazze di Celentano danno fondo a tutte le loro energie riuscendo a piazzare una bella vittoria e intascare 3 punti per la classifica.
Tra mille difficoltà il tecnico opta per Iaccarino Paola in regia, opposto D’Esposito, Iaccarino Pina e Savarese di banda, Russo e D’Angiolo a centro con Bagnulo libero, in panchina De Caro e Soldatini. Si gioca sul neutro del Pala Vesuvio.
Il set inizia punto a punto fino al 18 pari, con un Sant’Agnello pauroso e poco incisivo in attacco, ma comunque a farla da padrone di casa è l’equilibrio.
Un calo delle bianco blu permette alle napoletane di vincere il set 25-21.
Strigliata e colpita nell’orgoglio, sia dal mister, sia dal set perso, la squadra costiera piazza un secondo set d’autore.
Si viaggia sempre punto a punto ma questa volta le ragazze del presidente Carotenuto attaccano molto bene, con grinta e cattiveria. Sul 10 pari sostituzione tra Soldatini e D’Angiolo a centro, l’APD preme sull’acceleratore. Capitan Iaccarino va in battuta e mette in difficoltà la ricezione avversaria, Savarese e Russo passano benissimo in attacco, e il set vola via nelle meni delle santanellesi:
Si riparte, Celentano lascia in campo la formazione che ha vinto il secondo set. Si va avanti come nei primi due parziali. Punto su punto, attacco su difesa e le santanellesi si trovano in vantaggio 13-12, ma un parziale di 6-1 favorevole alle napoletane le porta sul 18-14. celentano corre ai ripari chiamando timeout.
Le ragazze entrano in campo e pareggiano subito il punteggio e poi chiudono vittoriose anche questo set con il punteggio di 25-22.
Il quarto set, Sant’Agnello lo inizia con la consapevolezza di poter portare a casa i 3 punti e mette subito la freccia. Le napoletane si avvicinano, una Russo imprendibile in attacco riporta sempre avanti le santanellesi e il set termina 25-21.

Finale playoff prima div femminile

Partenope – Apd Carotenuto 1-3
(25/21 – 18/25 – 22/25 – 21/25)
Apd Carotenuto: Iaccarino Paola, D’Esposito, Iaccarino Pina, Savarese, Russo, D’Angiolo, Bagnulo (L), De Caro e Soldatini. All. Celentano.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!