Sorrento, che rabbia. Intanto gli ex festeggiano…

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Un gol di Paulinho manda il Livorno in paradiso. Ma anche tanti altri ex Sorrento festeggiano (foto tratta dal sito lanazione.it)

Un gol di Paulinho manda il Livorno in paradiso. Ma anche tanti altri ex Sorrento festeggiano (foto tratta dal sito lanazione.it)

Sorrento – Il day after per i tifosi che devono mandar giù una sconfitta o, come in questo caso, una retrocessione, è sempre tanto difficile. La delusione mista alla rabbia fa capolino ed è ancora troppo presto per metabolizzare. Il Sorrento ha perso a Prato e lascia mestamente, dopo una stagione ricchissima di bassi, la Prima Divisione. Ironia della sorte, se in penisola sconforto e delusione la fanno da padrone, i tifosi rilevano attraverso i commenti sui social le ottime prestazioni di alcuni ex che nelle rispettive compagini hanno raggiunto importanti traguardi nella giornata calcistica di ieri dedicata ai playoff e ai playout. Una rete dell’immenso Paulo Sergio Betanin, grazie ad un colpo di testa chirurgico, regala al Livorno la Serie A contro l’Empoli, battuto per 1-0. Il mai dimenticato attaccante brasiliano si è reso protagonista di una stagione assolutamente incredibile e con tre reti tra semifinali e finale playoff ha trascinato la squadra del presidente Spinelli alla massima serie. Una massima serie che l’Empoli ha solo sfiorato: l’ex tacnico costiero Maurizio Sarri ha tentato l’impresa, costruita anche attorno ad elementi come Daniele Croce, titolare nella finalissima, Samuele Romeo e Cristiano Camillucci, tutti ex Sorrento fortemente voluti dall’allenatore toscano per cercare di raggiungere la A. Non è andata bene, il cuore di Paulinho e del Livorno hanno avuto la meglio, ma quella dell’Empoli rimane senz’altro una stagione da ricordare.
In Lega Pro festeggiano Ronaldo Vanin e Rocco Sabato. L’ex capitano rossonero, 157 presenze senza reti allo Stadio Italia, ha chiuso la semifinale playoff del suo Lecce contro la Virtus Entella con un eurogol da incorniciare. Servito da Chevanton, autore della prima segnatura pugliese, il brasiliano, utilizzato da mezz’ala esterna di centrocampo, ha indovinato l’esterno destro della domenica trovando il gol vittoria. Sabato ha giocato tutti i 90′, buttando tra l’altro in mezzo il pallone del gol di Favasuli e meritandosi un 7 in pagella dal sito pisatoday.it, della semifinale playoff del Pisa contro il Perugia, terminata 2-2 premiando i toscani che giocheranno la finale contro il Latina. Il Lecce, invece, se la vedrà con il Carpi. Entrambi gli ex potrebbero impreziosire il finale di stagione con la promozione in serie B.
Gioia anche per il giovane esterno classe ’93 Giuseppe Breglia, che pur senza disputare la partita tra Turris e Casertana, terminata 0-2 per gli uomini di Maiuri, si gode la raggiunta finale playoff per l’obiettivo Seconda Divisione. Numeri e statistiche che alimentano soltanto rimpianti perchè oggi, a Sorrento, non c’è nulla da festeggiare. Fare una seria analisi di coscienza, tirare la linea ed eseguire una semplice operazione matematica sono i primi atti da compiere per guardare al futuro con maggiore serenità.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!