Atletico Sorrento: piccola fabbrica di successi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Rossana De Martino e Ivana Di Leva con le piccole atlete della società

Rossana De Martino e Ivana Di Leva con le piccole atlete della società

Sorrento – Venticinque ginnaste qualificate alle fasi nazionali di categoria. Per scovarle basta fare un salto alla palestra della Scuola Amalfi-Massa di Piano di Sorrento. È qui che l’Atletico Sorrento, società attiva da ben 27 anni, conta oggi più di cento atlete e due piccoli atleti. Tra i tanti succedutisi alla guida del gruppo, tutti ex—ginnasti, attualmente sono Rossana De Martino e Ivana Di Leva a coltivare questi talenti che vanno dai 3 ai 18 anni. Sedici atlete si sono qualificate per le finali nazionali della Federazione Ginnastica d’Italia che si terranno a Pesaro dal 20 al 29 giugno mentre altre nove atlete saranno impegnate questo week-end a San Benedetto del Tronto, per le fasi nazionali dello Csen.
Risultati da non sottovalutare, costruiti su un costante impegno. Rossana ed Ivana con le loro ginnaste spendono anche la domenica in palestra, tra gli allenamenti e la preparazione del saggio di fine anno, previsto per il 21 giugno al palazzetto dello sport di Sorrento in via Atigliana.
La ginnastica artistica è uno sport che non gode di una alta visibilità e molte sono le difficoltà relative agli spazi ed alla attrezzatura impegnata. Nonostante ciò, regala a tanti giovani atlete della penisola sorrentina la possibilità di raggiungere traguardi importanti. Viaggiano sulla stessa linea d’onda le due allenatrici, come afferma Ivana Di Leva. «Da circa cinque anni collaboro con Rossana e siamo legatissime, come due sorelle. È una attività impegnativa e faticosa, ma siamo molto appassionate e così i sacrifici non pesano tanto», mentre Rossana De Martino pone l’accento sul carattere formativo della ginnastica: «Si comincia a lavorare fin dai 3 anni con spunti di psicomotricità, per arrivare gradualmente alla corretta esecuzione del gesto tecnico. La “vita da sportivo” non rende soltanto il fisico altamente performante, ma forgia il carattere ed educa allo spirito di sacrificio, attraverso il confronto con le proprie difficoltà ed emozioni. È necessaria un’altissima sinergia con i propri compagni di allenamento e con i tecnici. Ovviamente bisogna soprattutto essere animati da grande passione».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!