Sorrento, Bonomi:”Questa partita va vinta da squadra”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Punta su tutto il gruppo per espugnare Prato Simone Bonomi (foto Penna)

Punta su tutto il gruppo per espugnare Prato Simone Bonomi (foto Penna)

Si contano le ore ed i minuti che passando incessanti in vista di una partita che vale una stagione in casa Sorrento.
C’è un solo risultato a disposizione in vista del return match di Prato: la vittoria.
Senza se e ma servirà fare una rete in più degli avversari per portare a casa la permanenza nella Prima Divisione di Lega Pro.
“Certo abbiamo un solo risultato e siamo scesi in campo per vincerle tutte a partire dalla sfortunata trasferta di Perugia. Se siamo qui è perché ci siamo riusciti”.
A parlare è l’esperto Simone Bonomi. Il difensore voluto fortemente da Sarri è alla sua seconda esperienza in costiera. Domenica ha visto purtroppo da molto vicino la palla di Corvesi freddare Rossi.
“Rivedendo le immagini ho fatto la cosa più giusta – spiega il terzino -. Ho il rammarico di non essere riuscito ad intercettare il tiro, ma solo di averlo toccato con i tacchetti. Se ho deviato la traiettoria? Forse”.
Schietto e sereno, nell’andata dei play-out l’ex Alessandria ha svolto il suo compito al meglio. È stato tra i migliori, ma adesso bisogna superarsi.
“Il Prato ha due risultati su tre a disposizione ed è un piccolo vantaggio, ma abbiamo le nostre possibilità”, l’analisi di Bonomi non fa una grinza perché “Non sono né Il Real Madrid né una delle corazzate del nostro girone come non lo siamo noi. Abbiamo dimostrato di valere i nostri avversari e non siamo morti”.
Rossi ha caricato l’ambiente con chiaro messaggio: “Non commettiamo gli stessi errori”, per il difensore le cose da fare  e non fare sono semplici.
“Non prendere goal come primo obiettivo, poi testa sempre sul pezzo senza andare all’arrembaggio un goal lo si può fare in qualunque momento”.
La frase fatta “Può essere determinate l’episodio” mette in risalto il peso specifico dei calci da fermo.
“Potrebbero essere decisivi, quindi ci sarà bisogno della massima determinazione”.
Cattiveria e testa per giocare da squadra e cercare di sfruttare anche una rete del singolo, su quale il terzino non si sbilancia.
“Non dico nessuno sia per scaramanzia, sia perché queste gare si vincono da squadra – conclude Bonomi -. Tutto il gruppo dovrà essere bravo a massimizzare una rete che spero venga realizzata da un mio compagno”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!