Papagni:”Sorrento che prestazione peccato per il pari”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
"Ho fiducia". Papagni (foto Pollio) sprona i suoi verso il return match di domenica a Prato

“Ho fiducia”. Papagni (foto Pollio) sprona i suoi verso il return match di domenica a Prato

Mastica amaro Aldo Papagni. Il pareggio per 1-1 maturato al termine dei primi novanta minuti di gioco dei play-out con il Prato sta palesemente stretto al tecnico pugliese: per quanto espresso sul rettangolo di gioco, infatti, per il tecnico rossonero l’ago della bilancia sarebbe dovuto pendere dalla parte dei suoi uomini: “La prestazione dei ragazzi è stata ottima – ammette il tecnico costiero. – Avremmo meritato ampiamente di fare bottino pieno, ma abbiamo sbagliato troppo sotto porta e siamo stati ingenui in occasione del gol del pareggio”. La tattica attendista adottata dai lanieri non ha sorpreso Papagni che è rimasto però deluso dall’atteggiamento tenuto dai suoi nella ripresa: “Ci aspettavamo un Prato così attento in fase difensiva – conferma l’allenatore rossonero – infatti ho chiesto fin dall’inizio a Corsetti e Tortolano di rimanere larghi e creare superiorità numerica: nel primo tempo ci siamo riusciti bene, mentre nella ripresa c’è stato un calo psico-fisico che, dopo il loro pareggio, non ci ha permesso più di reagire come prima”. Con novanta minuti ancora da giocare, il Sorrento nella sfida di ritorno al “Lungobisenzio” deve per forza vincere per mantenere la categoria: “Io sono fiducioso – chiude Papagni. – In trasferta abbiamo già dimostrato di riuscire ad esprimere un calcio migliore, come dimostrano anche i numeri- Importante sarà cercare di sbloccarla subito ed evitare che il Prato, come successo oggi, si chiuda in difesa: se li costringiamo a venire avanti abbiamo maggiori possibilità di punirli in campo aperto, la nostra specialità”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!