Caso Teta: Slitta la sentenza dell’Alta Corte del Coni

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

tetaNon sono bastate 30 gare di campionato, 2700 minuti e poco altro di gioco a decidere che ne sarà dell’Eccellenza campana girone B.
Non si è parlato di Angelo Teta tanto a lungo neppure quando con le sue prodezze strappava pezzi di cuore ai supporters del Sorrento. Due promozioni sulle spalle in costiera, poi quest’anno il ritorno nella terra delle sirene. In silenzio, quasi a non voler disturbare la pace e la quiete del Massaquano. Poi il ritorno in campo a Capaccio, 15 minuti maledetti e fiumi di inchiostro e parole stesi neppure si trattasse della finale del Mondiale.
Chi ha vinto sul campo è chiaro. Il Vico chiuse il match nel salernitano sul 4-2, ma quel quarto d’ora sul rettangolo verde blocca tutti i festeggiamenti a Vico Equense.
I costieri con 97 reti all’attivo e 77 punti potrebbero aver vinto il campionato, ma al momento si attende l’Alta Corte del Coni.
Calpazio e Torrecuso, finalmente uscito allo scoperto, hanno fatto ricorso, ma nell’udienza del 23 maggio non si parlerà di calcio.
Quindi tutto rinviato alla prossima data e sanniti che, in base alla sentenza della Commissione Territoriale Campania, dovrebbero disputare i play-off nazionali contro il Fornelli in Molise.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!