Apd Carotenuto I Div F: Scisciano sconfitta ma non è fatta per la D

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

I Dv FSant’Agnello – Vittoria di prestigio ma che non serve alla formazione di Prima Divisione Femminile dell’Apd Carotenuto che batte Scisciano nei playoff promozione senza però poter festeggiare la promozio in Serie D. Serviva un’impresa alla squadra del presidente Carotenuto: un 3-0 per conquistare il primo posto nel girone o un 3-1 con un’alta differenza di punti rispetto ai forti avversari.
La squadra è partita con il piede sull’acceleratore per provare il tutto per tutto e la determinazione è servita a portare a casa il primo set. Scisciano ha sofferto e si è avvicinata alle padrone di casa intorno al secondo time out obbligatorio. Al ritorno in campo l’Apd però si è dimostrata più determinata e ha conquistato agevolmente il parziale facendo sperare i numerosi tifosi accorsi per la sfida in una impresa da urlo.
Gli ospiti però nel secondo tempo della gara hanno affrontato la sfida con un piglio diverso e si sono portati subito avanti. Grazie ad un ottimo servizio di Iaccarino e Russo l’Apd si è riportata sotto ma Scisciano rimasta sempre avanti di 2, 3 punti. Avvincenti gli ultimi punti: sul 24-22 l’Apd ha avuto la possibilità prima di accorciare le distanze e poi di pareggiare e portare il set ai vantaggi ma una palla di poco fuori in attacco di Savarese ha permesso a Scisciano di pareggiare il conto dei parziali.
Nel terzo set le santanellesi avevano l’obbligo di vincere con un netto scarto di punti e nei primi minuti del parziale il break di +8 (10-2) ha fatto credere nella buona riuscita del difficile compito. Le avversarie però non si sono demoralizzate e una serie di nastri e circostanze sfortunate ha permesso loro di colmare la differenza di punti che serviva per approdare praticamente nella serie superiore. L’Apd ha comunque conquistato il set con il punteggio di 25-20 consapevole che l’impresa nel parziale successivo si sarebbe trasformata in un vero e proprio miracolo. Scisciano avrebbe dovuto infatti conquistare solo 7 punti secondo il regolamento del girone che ha reso spettacolare e critica la partita per conquistare la promozione. Sul 7-7 la gara difatti si è chiusa e le ospiti sulle ali dell’entusiasmo hanno portato la sfida al tie break, utile solo agli amanti della statistica.
Nel parziale decisivo però una Iaccarino in giornata di grazia ha trascinato la squadra alla vittoria di prestigio contro la squadra più forte del girone. La promozione passa adesso per una tra la Parthenope e la vincente del girone seconde terze dei due gironi del campionato. Non è ancora finita e la possibilità per due squadre su tre di essere promosse in D tiene ancora i giochi apertissimi a favore dell’Apd.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!