Lubrensis: domenica a Sorrento il campionato italiano di tiro alla fune

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

15 MAN 70X100 TIRO ALLA #4FB03CSorrento – Dopo l’exploit di Fermo che ha visto per la prima volta la Lubrensis trionfare nel campionato italiano nelle categorie 680 e 720 Kg la manifestazione tricolore di tiro alla fune arriva in penisola sorrentina. Domenica 12 maggio si svolgeranno infatti all’Atigliana le gare delle categorie 600 e 640 Kg nelle quali la squadra di Massalubrense che ormai si trova ai vertici nazionali di questa particolare disciplina cercherà di confermarsi contro i rivali storici della Cobra Fermo.
Saranno quattro le formazioni impegnate nella tappa sorrentina del campionato nazionale indoor: oltre alla Lubrensis si sfideranno i Cobra di Fermo, la Alionti proveniente da Torino e la frusinate Ferentino. Le quattro migliori formazioni italiane di categoria sono pronte a sfidarsi nel pomeriggio domenicale ma già dalla mattinata la competizione entrerà nel vivo: dalle 10 alle 11 verrà effettuata la pesatura delle squadre per verificare l’idoneità a competere, poi dalle 15, dopo la presentazione delle squadre, partiranno le tirate.
Le semifinali e le finali avranno inizio alle 16.30 e sveleranno la nuova squadra campione per le categorie in questione. Sotto lo sguardo attento del coach Sandro Gargiulo, dell’allenatore Filippo Saturno e del team manager Benedetto De Gregorio saranno 10 gli atleti massesi che saliranno in pedana per riuscire a strappare il titolo ai campioni in carica dei Cobra: si tratta di Aniello D’Esposito, Eugenio Gargiulo, Luigi Terminiello, Giuseppe Russo, Michele Gargiulo, Giovanni De Gregorio, Antonino Cacace, Luca Gargiulo, Lello De Gregorio e Francesco Vinaccia i quali potrebbero bissare il successo nelle categorie superiori e dimostrare un passaggio di consegne tra i campioni di Fermo, battuti in casa nelle scorse settimane, e la Lubrensis che ha ancora voglia di crescere e di far conoscere uno sport che regala tante soddisfazioni a Massalubrense e a tutta la penisola.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!