Il Massa che stupisce l’Eccellenza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Esultanza_ciccianoÈ una stagione da quaranta più quella del Massa Lubrense.
In tanti hanno espresso rammarico per un girone di ritorno sospeso in bilico tra il serio ed il faceto, ma ottenere 40 punti, salvarsi con margine e far esordire tanti giovani resta un merito enorme per il sodalizio di via Arenaccia.
Un’estate caliente quella che ha vissuto la compagine della “città dell’olio”.
La crisi societaria, il total recall di D’Esposito, la rinascita e adesso la chiusura in bellezza.
Un cammino a tappe che ha prima innalzato agli altari della cronaca il roster di mister Gargiulo, come sorpresa del campionato, poi detto che qualche cosa andava fatto nel mercato di dicembre.
Si parla di sorpresa, certo.
I nero azzurri sono partiti zitti zitti. Mercato molto economico, ma individualità di spicco. Il ritorno di Marcello Cacace e la ciliegina di Antonino Di Leva.
Sono queste le “spese” folli di un’oculata campagna rafforzamento.
Gli addetti ai lavori inserivano il Massa in quella cerchia di squadre pronte a lottare con il coltello tra i denti per evitare la palude e le sorprese dei play-out.
Un tecnico giovane che ha forgiato un gruppo fatto di regole, prima di tutto, di buon gioco e sfacciataggine.
Se per Fiorentino, De Stefano, D’Esposito parla il curriculum, l’abnegazione, il silenzio e l’applicazione con cui hanno anche mandato giù i bocconi amari delle scelte parla per la squadra.
De Luca e Marino si sono confermati.
Il Toro di Praiano è andato in doppia cifra. La voglia di misurarsi nuovamente con l’Eccellenza è stato il quid in più che ha consentito al giocatore nero azzurro di svolgere il compito al meglio.
Il coniglio dal cilindro che il “mago” Gargiulo ha tirato fuori porta il nome di Francesco Cantilena.
In silenzio, senza colpo ferire, alla prima vera esperienza nella massima rassegna calcistica regionale è stato probabilmente il migliore.
Corsa, tanta, voglia, enorme, esaltazione poca.
Uno di quelli per i quali ha parlato il campo.
A vincere la sua scommessa anche il tecnico, Luigi Gargiulo.
Lui neofita, dopo la semifinale regionale con la Juniores nella passata stagione, ha dimostrato di saperci fare. Se il Massa ha stupito anche i propri dirigenti il merito è anche suo.
Un plauso a tutto il sodalizio. Ripartire da zero è stato difficile. Stupire più semplice.
Il bello viene adesso. La nuova missione è  dare continuità a questo progetto.
La sfida più ardua per il presidente D’Amato.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



8 thoughts on “Il Massa che stupisce l’Eccellenza

  1. tifoso Massa Lubrense

    Penso che ripartire da zero sia tutt’ altra cosa, non di certo quello che è successo a massa dove la nuova società ha prelevato il titolo senza alcun sforzo economico, partendo dall’ eccellenza. “Il cocco munnat e buon” piace a tutti. Un plauso va fatto anche alla vecchia società grazie alla quale la nuova società ha potuto allestire una squadra competitiva, in quanto gran parte dei giocatori di quest’ anno sono atleti giunti a Massa per mezzo della vecchia dirigenza.

  2. Luigi

    Mi dispiace tifoso massalubrense, ma i giocatori di quest’anno sono stati contattati da me e si sono convinti solo perchè hanno creduto nel ns progetto, anzi alcuni sono rimasti solo xchè era cambiato tutto…..Comunque grazie a tutti per il supporto che ci avete dato.

    Il Mister

    1. Tifoso Doc

      Mister il popolo Massese è fiero del tuo lavoro e di quello della nuova società che è riuscito a portare tanta gente al campo e ad avvicinare gente che prima era stata emarginata. Si è dimostrato che il pallone a Massa si fa in questo modo e i risultati lo dimostrano; salvezza raggiunta senza stress(lottando per il primato per tutto il girone di andata), netto miglioramento del settore giovanile, e tante persone avvicinate alla società. Portate avanti il progetto!

  3. tifoso Massa Lubrense

    Una cosa forse non è chiara, qui non si discute nè sull’ operato del Mister (conosco le sue qualità) nè tantomeno sull’ operato della nuova società, bensì sui meriti mai riconosciuti alla vecchia società. Con questo chiudo, in quanto la mia era una semplice osservazione su una frase dell’ articolo, non voglio alimentare polemiche. Portate avanti il progetto!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!