Papagni: “Sorrento questa gara ti premia”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Finalmente torna a sorridere Papagni (foto Penna) dopo la vittoria di Frosinone

Finalmente torna a sorridere Papagni (foto Penna) dopo la vittoria di Frosinone

“Finalmente una gara che ci premia per l’impegno e la prestazione che abbiamo fornito”.
Papagni dixit.
Nella sala stampa del Matusa il tecnico pugliese e’ felice, ma rammaricato.
“Peccato per i punti lasciati per strada con Benevento, Viareggio e Perugia, spero che alla fine non siano determinanti per la nostra classifica sarebbe un delitto”.
Sa bene il Sorrento che tutto potrebbe essere deciso dalle tante, troppe sconfitte che hanno condito una stagione ardua e difficile.
Viola il Matusa, intasca il terzo successo esterno della stagione, ma non sorride del tutto. A decidere le sorti della stagione dei costieri non saranno solo i giocatori rossoneri, ma anche Latina, Nocerina e Carrarere.
“Sappiamo bene che noi dovremo solo vincere e siamo a conoscenza che le due gare avranno svolgimenti comuni – spiega l’allenatore costiero -. Sapevamo che servivano sei punti e dobbiamo farne altri tre senza se è ma”.
Anche se in tasca ha tre punti presi con merito non può passare sotto silenzio la decisione del direttore di gara di sanzionare un fallo di Nocentini su Curiale. Il pareggio e la conseguente espulsione ha complicato e non poco i piano dell’undici costiero.
“A me e’ sembrata una decisione quanto meno dubbia”. Incalzato sulla scelta fatta Papagni e’ chiaro ” rigore? Non scherziamo neppure i giocatori del Frosinone hanno protestato”.
Su una cosa però l’ex trainer dell’Andria e’ netto. “Favori? Suvvia una gara che ci ha visto avere le giuste motivazioni, ma che i padroni di casa hanno dimostrato di voler vincere con una partenza lancio e la determinazione di farepropria l’intera posta in palio”.
Le affermazioni del mister del Sorrento sono anche avvalorate dai fatti. Dopo la seconda rete Curiale ha recuperato immediatamente la sfera dalla porta di Rossi e incitato i suoi a ribaltarla.
Anche secondo Stellone a decidere la partita e’ stata la voglia messa in campo dal Sorrento a dispetto della classifica.
“Nel finale di campionato al di la dei valori tecnici la spinta che ti porta la classifica e la voglia di vincere fa il resto. I rossoneri ne avevano più di noi”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!