Apd sul tetto della Campania: le dichiarazioni di Russo e Carotenuto

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I ragazzi dell'Apd a fine gara, da campioni regionali

I ragazzi dell’Apd a fine gara, da campioni regionali

Napoli – L’Apd Carotenuto Sant’Agnello è per la seconda volta consecutiva campione regionale con la squadra Under 17 che bissa il titolo ottenuto lo scorso anno e quello di campioni provinciali raggiunto nello scorso aprile. Una soddisfazione enorme per una società che dopo tante difficoltà è riuscita ancora una volta a imporsi in campo regionale in attesa delle prossime finali nazionali.
Il dirigente Francesco Carotenuto racconta la sfida vinta per 3-0 senza patemi d’animo: «E’ stata la partita perfetta. Siamo rimasti concentrati fino all’ultimo, abbiamo dato il massimo e dimostrato di essere i più forti, i parziali (25-13, 25-16, 25-13) evidenziano la nostra bravura. Nel primo set ottima battuta e ottimo muro, Staiano benissimo in regia, idem nel secondo set, il mister ci ha messo del suo preparando benissimo la gara, Quarantelli devastante in battuta nel terzo set, siamo stati perfetti».
Mister Russo dal canto suo è raggiante dopo la vittoria netta contro Ischia, proprio quella squadra che aveva messo in difficoltà i santanellesi nella finale provinciale e che uno strano scherzo del destino ha voluto fosse ancora una volta l’avversaria da battere: «E’ stata una partita a senso unico, i parziali sono stati netti, abbiamo preparato la sfida in modo perfetto dopo l’esperienza della finale regionale che ci è servita da lezione, c’è stato un approccio completamente diverso, abbiamo sfruttato i loro punti deboli. Una partita da incorniciare per tutta la squadra e anche per le riserve che hanno avuto modo di entrare in campo nel corso della partita». Il tecnico sottolinea gli sforzi della società per raggiungere questo prestigioso obiettivo e che le sorprese in casa Apd potrebbero non essere finite: «Siamo contenti per l’obiettivo raggiunto, sabato potrebbe arrivare la ciliegina sulla torta con la salvezza in serie C, ora ci godiamo questo titolo regionale, gli sforzi della società sono stati ripagati, c’è grande soddisfazione da parte mia come tecnico ma deve esserci per la società che ha messo in condizione questi ragazzi di fare quello che hanno fatto».
Sabato l’ultimo atto della serie C e poi il pensiero sarà rivolto alle finali di Policoro e Matera del prossimo 6-9 giugno, dove l’Apd arriva da sesta forza nazionale dopo l’exploit di Pomezia dello scorso anno: «Si può migliorare questo risultato, è il nostro secondo obiettivo, abbiamo un mese di tempo per preparare questa manifestazione, chiudiamo il capitolo C e poi cercheremo di migliorare la sesta piazza e perchè no, di toglierci qualche bella soddisfazione».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!