Serie D…isciplinare

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

PalloneSarà una promozione fatta a tavolino. Si perché quella che, tra Vico Equense e Torrecuso, andrà in serie D avrà il placet ultimo della FIGC.
Un duello durato tutto il campionato e che il Vico dopo aver preso la testa e allungato a 4 punti il vantaggio non avrebbe più lasciato.
Numeri alla mano la compagine di Sorianiello, prima, e Ciaramella, poi, ha condotto un campionato da grande.
Poco meno di 100 le reti fatte, 77 punti sul campo che non sono bastati a Baldo Somma e compagni per avere la meglio dei sanniti.
L’ultimo turno ha visto festeggiare entrambe.
Rossoblu in quel di Montemiletto, azzurro oro a Scafati.
Tra maglie commemorative, foto, fumogeni e fiumi di spumante tutto resta ancora appeso alla sentenza della Commissione Regionale.
Il caso Teta è pronto a fare giurisprudenza. Sarà così? Lo vedremo presto.
Nel frattempo i costieri devono prepararsi per il primo turno dei play-off interregionali, mentre in coda ci sarà un unico epilogo il play-out tra Atri ed Eclanese.
Il Massa impatta con gli irpini raggiunge quota 37 ed aspetta la Us Angri, retrocessa, per il recupero il 1 maggio.
Il Sant’Agnello perde in casa…, a Pimonte, ma si salva.
Restano da sciogliere i nodi cruciali di promozione diretta e della possibile penalizzazione in seguito al deferimento della Calpazio. Se tutto fosse sovvertito salernitani senza 3 punti e penalizzati che vedrebbero il vantaggio scendere sotto i 10 punti dal Sarno e costretti a giocarsi in casa la salvezza.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!