Sant’Agnello, Negri:”Potrei anche finirla qui”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
"Potrei anche finirla qui" ha sbottato Negri (foto Pollio)

“Potrei anche finirla qui” ha sbottato Negri (foto Pollio)

A caldo non è riuscito a mandare giù la sconfitta con il Real Trentinara il presidente Alberto Negri.
Una furia nello spazio antistante gli spogliatoi dello stadio di Pimonte.
“Non è possibile abbiamo giocato oggi la peggiore gara dell’anno”.
Sono state queste le prime parole al fischio di chiusura del match contro i salernitani.
Il rammarico del numero uno del sodalizio di viale dei Pini è quello di non aver ripetuto la prestazione fornita a Vico.
“Sebbene il Trentinara avesse la consapevolezza di non poter ambire a nulla ha fatto una gara decisa, noi no”.
Chiusa una pagina storica del calcio a Sant’Agnello. C’è un’affermazione che lascia perplessi.
“Potrei anche finirla qui. La crescita graduale che abbiamo fatto così non può continuare”.
In tempo di crisi un appello importante per il massimo dirigente santanellese.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!