Sant’Agnello sconfitta che sa di salvezza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Ancora un goal anche se inutile per capitan Gargiulo

Ancora un goal anche se inutile per capitan Gargiulo

Alla fine vince il Trentinara, mentre il Sant’Agnello deve aspettare notizie da quel di Montemiletto. La contemporanea sconfitta dell’Atri regala la permanenza in Eccellenza alla squadra di Guarracino autore di un autentico miracolo.
I bianco azzurri sono fiacchi nella testa. Sentono l’importanza della sfida e non sono sciolti come al solito.
Troppo rinunciatari e poi costretti ad inseguire i costieri che non sono riusciti a sfruttare l’uomo in più per tutto l’arco della gara.
Dopo che Guerrera lascia anzitempo i suoi in inferiorità numerica, un po’ a sorpresa il Trentinara passa.
A metterla dentro è il terzino Paolo D’Andria.
Preso lo schiaffo Guarracino cambia, dentro Longobardi, fuori Cioffi.
La mossa, però non porta i frutti sperati. Padroni di casa soffrono e rischiano, ma negli spogliatoi frutta la sfuriata del tecnico santanellese.
In avvio nuovo cambio dentro De Maio, fuori Longobardi.
Gargiulo torna in difesa, ma colpisce in apertura di tempo.
Fatto il pari il Sant’Agnello ha il merito demerito di non accontentarsi e cercare di vincerla, ma senza testa. Infatti, alla prima ripartenza utile sono i salernitani a fare di nuovo male.
Sileno si invola dalle parti di Uliano che viene superato di precisione dal numero undici bianco rosso.
Preso il nuovo schiaffo l’undici del presidente Negri si riversa nella metà campo avversaria, ma a parte un colpo di testa di Architravo che sfiora il palo,  Mazza non corre pericoli.

Sant’Agnello – Real Trentinara 1-2
Sant’Agnello: Uliano 6, Gargiulo 6, Architravo 6, Ferraro 5.5, Cappiello 5.5, Sessa 5.5, Macarone 5 (38’st Scelzo sv), Serrapica 5.5, Fiorentino 5.5, Cioffi sv (11’pt Longobardi 5.5 1’st De Maio 5.5), Scippa 5.5. A disp.: Castaldo, Fiodo, Inserra, Donnarumma. All.: Guarracino 6
Real Trentinara: Mazza 6, Marino 6, D’Andria P. 6.5, Guerrera 5 Coccorullo 6.5, Noce 6 (11’st Delfino 5.5), Crisci 6 (31’st D’Angelo sv), Consiglio 6, Campione 6 (42’st De Biase sv), Sica 6, Sileno 6.5. A disp.: Vinci, Cerrato, D’Andria G, Pecora. All.: Condemi 6
Arbitro: sig. Pollaro di Napoli 5.5
Marcatori: 8’pt D’Andria P.(RT), 5’st Gargiulo (SA), 25’st Sileno (RT).
Espulso: Guerrera per gioco violento.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!