Somma: “Siamo carichi, pensiamo solo alla Scafatese”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il capitano Somma parla prima della sfida decisiva con la Scafatese

Il capitano Somma parla prima della sfida decisiva con la Scafatese

Vico Equense – Prima che la situazione che riguarda il caso Teta venga risolta, si torna a parlare del campo, dove domenica si giocherà l’ultima giornata del Girone B d’Eccellenza. Il Vico è costretto a vincere, il Torrecuso non dovrebbe perdere colpi e una vittoria rimetterebbe il primato nelle mani dei giudici. Prima della sfida contro una delle squadre più in forma di tutta la categoria a parlare è il capitano vicano Baldo Somma che afferma: «Siamo carichi, ci interessa poco quello che accade fuori, sono questioni che deve risolvere la società, il nostro compito è soltanto vincere a Scafati». Eppure nell’ultima gara il fantasma del ricorso avanzato dalla Calpazio ha dato l’impressione di aleggiare insistentemente sul Massaquano, dove il Sant’Agnello, nell’ultima uscita interna, ha spaventato non poco gli uomini di Ciaramella. «Il Sant’Agnello mi ha impressionato, erano ben disposti in campo mentre noi abbiamo beccato una giornata no, forse per tutto quello che è successo, abbiamo pensato più all’esterno del campo che dentro. In settimana però abbiamo lavorato bene, sappiamo di non poter sbagliare, andiamo a Scafati per vincere, ci aspettiamo un ambiente caldo, tutti vorranno fare bene ma noi abbiamo stimoli maggiori».
Qualche parola, poi, scappa in direzione della decisione sul controricorso presentato dalla società sulla posizione di Teta: «Sono fiducioso, le leggi non possono cambiare improvvisamente, ho fiducia nelle istituzioni e nella giustizia sportiva, quel ricorso non ha alcun fondamento. Ma noi andiamo in campo ed è la società a lavorare sulle altre cose».
L’eventuale passaggio in D avrà per Somma un sapore particolare. Il figliol prodigo vuole la vittoria per tanti motivi: «E’ stato un anno turbolento, non è stato facile, poi quando si è profeta in patria ci sono ancora più difficoltà. Io sono abituato a guardare avanti e non indietro, non ho vinto dei campionati per caso e conosco il mio valore. Sinceramente non sono contento della piazza, mi aspettavo più calore da parte dei tifosi che, tranne i pochi fedelissimi, non hanno sempre capito i sacrifici che abbiamo fatto. Per me, se arriverà, sarà una doppia vittoria».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!