Avallone:”Sorrento devi battere il Catanzaro. I processi a fine stagione”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Sa bene che senza una vittoria col Catanzaro inizierebbero i processi il ds Avallone (foto Penna) insieme con il team manager Prete

Sa bene che senza una vittoria col Catanzaro inizierebbero i processi il ds Avallone (foto Penna) insieme con il team manager Prete

“Prima bisogna vincere col Catanzaro e poi guardare al futuro”. Il da del Sorrento, Salvatore Avallone, indica come al termine dei 90 minuti con i calabresi tutto il resto potrebbe non servire.
“Parlare di quello che avranno fatto gli altri avrà un Senso solo dopo aver svolto pienamente il nostro dovere -spiega il dirigente costiero -. Pensare logora energie nervose e noi non possiamo permetterlo”.
La caccia alle streghe e’ iniziata. Tra i tifosi serpeggia il grande malumore per la stagione che sta riservando più amarezze che gioie.
“Adesso e’ presto per dare giudizi o sparare sentenze”, tuona Avallone, che rilancia come e’ pronto a prendersi le sue responsabilità.
“Io ci sto. Ci ho sempre messo la faccia e sappiamo tutti tra quali difficoltà abbiamo completato la squadra ad agosto”.
In soldoni il colpevole che potrebbe saltare dal cilindro sembra essere stato individuato. Non resta ad Avallone un po’ di rammarico per non aver seguito Bucaro nel momento del suo esonero.
” L’idea che avevo con Giovanni sul come trovare i rinforzi a gennaio era chiara, ma sono state fatte delle scelte differenti”.
Le tante anime che ci sono all’interno della società lentamente sta venendo fuori. Tutti sono pronti a dire la loro, ma alla fine c’è ancora da salvare la stagione.
“Avremmo preferito affrontare un Catanzaro più tranquillo, ma non sarà così, tanto per cambiare”, se la ride il direttore sportivo dei rossoneri.
È intanto ripresa la preparazione del Sorrento in vista della sfida che vale molto di più dei soli tre punti.
Tutti a disposizione di Papagni che lentamente sta iniziando a provare anche una nuova soluzione tattica con il 4-4-2.
“Modulo o non modulo tutti sanno che si deve vincere senza se e ma”, carica Avallone.
In sede oggi si sono visti anche i rappresentanti della Covisoc. Anche in questa circostanza tutto e’ filato liscio.
La guardia sotto il profilo economico e’ sempre stata molto alta. L’amministratore unico, Francesco D’Angelo, segue minuziosamente la parte economica che ha permesso al club di passare indenne le forche caudine degli ispettori.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!