Apd Carotenuto: il punto su C e Under 17

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Agnello – Settimana decisiva per l’Apd Carotenuto che nei prossimi giorni affronterà gare importanti in vista del destino della stagione della formazione Under 17 e per quella di Serie C. Abbiamo fatto il punto della situazione con il dirigente Francesco Carotenuto che ha commentato l’ultimo risultato della squadra di C, la vittoria in trasferta contro Sparanise per 1-3, importantissima in vista della possibile salvezza: «E’ stata una bella partita, giocata al massimo, i ragazzi ci hanno creduto dal primo punto e con voglia di vincere hanno conquistato un successo netto. Abbiamo dimostrato di essere una squadra compatta e i miglioramenti sono stati evidenti soprattutto nell’ultimo periodo».
Mancano due gare al termine del campionato e le prossime sfide con Nola e Elpral diranno se la scelta di partecipare al campionato di C con l’intera truppa neocampione provinciale coadiuvata da qualche innesto più esperto si tramuterà in un miracolo sportivo. Proprio la finalissima U17 con Ischia vinta al tie break ha rappresentato, secondo Carotenuto,  uno dei momenti più difficili della stagione: «La parentesi più brutta per i ragazzi è stata la finale con Ischia, abbiamo sofferto, c’era un po’ di pressione, se riuscissero a salvarsi nelle prossime due gare in C avrebbero compiuto una impresa. Con l’Ischia la partita è stata tesa, i ragazzi sapevano di essere favoriti sulla carte e non hanno giocato sciolti, hanno dimostrato un gran carattere nel quinto set. Ischia, che ha giocato una grande partita, ci credeva ma noi abbiamo mostrato carattere da grande squadra, ci siamo gettati la paura alle spalle, i ragazzi mi sono piaciuti tanto».
La scelta compiuta dalla società del presidente Giuseppe Carotenuto, in ogni caso, si è rivelata quindi quella migliore, al di là dei prossimi risultati nelle due gare conclusive del campionato: «Sicuramente siamo contenti di aver fatto questa scelta – conclude Carotenuto -, ci abbiamo creduto e ci hanno creduto tutti i ragazzi che hanno dimostrato di aver voglia di migliorare e crescere. Una eventuale vittoria contro Nola potrebbe essere un passo importante verso la salvezza».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!