Ciaramella: “Non il solito Vico, vinto con il cuore”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vico Equense – Doveva essere vittoria e vittoria è stata, ma quanti brividi per il Vico di Ciaramella, che non nasconde la difettosa prestazione della sua squadra contro il Sant’Agnello: «Non siamo stati il solito Vico, però il cuore della squadra ha fatto sì che portassimo a casa i tre punti, è stata una partita difficile, nel momento più brutto abbiamo trovato due gol che ci tengono aggrappati alla serie D, sono fiducioso per il ricorso, a Scafati sarà un’altra partita importantissima».
Ciaramella imputa a due cause la prova dei suoi uomini: «Il Sant’Agnello ha fatto una grande prestazione, è venuto a giocarsi la partita come era giusto, noi dobbiamo arrivare all’obiettivo in modo leale, chiaramente l’aspetto mentale era diverso, la sentenza non ci ha lasciati indifferenti, per la prima volta ho visto un Vico impacciato e sulle gambe, insicuro, sicuramente questa situazione è stata causata dal caso Teta anche se avevamo detto di pensare solo al campo, però non voglio trovare alibi, dobbiamo dimostrare maturità e abbiamo la forza dopo tanti sacrifici di conquistare la D, ci teniamo e sono convinto che domenica ci riscatteremo, le motivazioni saranno diverse, sarà la partita decisiva».
Il tecnico vicano, che può vantare sei vittorie in sei gare, aveva in settimana parlato dell’impegno di giocatori d’esperienza come Scarlato. La risposta del difensore non si è fatta attendere, in una partita in cui è stato l’ultimo a perdere la calma fino a segnare il gol decisivo nel recupero: «E’ stato importante perchè non ha perso la calma dopo aver visto la squadra smarrita, da parte mia ho cercato di far capire che non tutto era perduto , grazie ai miei giocatori che anche dopo una prestazione non brillante sono riusciti ad ottenere una vittoria di cuore, siamo stati bravi ma anche fortunati».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!