Speciale derby – Qui Vico. Merenda: “Non ci guardiamo indietro”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il difensore Roberto Merenda commenta il prossimo derby costiero e il momento del Vico Equense

Il difensore Roberto Merenda commenta il prossimo derby costiero e il momento del Vico Equense

Vico Equense – Il momento del derby costiero tra Vico Equense e Sant’Agnello si avvicina. Una partita che vale un campionato per la squadra di casa e che potrebbe invece regalare la salvezza aritmetica per il SantAgnello di Guarracino reduce da una bella figura con l’inseguitrice dei vicani, il Torrecuso. Roberto Merenda da cinque gare rappresenta uno dei pilastri della retroguardia di Ciaramella e commenta la prossima sfida predicando massima concentrazione: «Sarà una partita da affrontare con la massima attenzione, mancano due gare alla fine e dobbiamo essere concentrati al cento per cento per riuscire a superare quest’ostacolo e andare a vincere poi all’ultima partita a Scafati per centrare il nostro obiettivo, dopo tante difficoltà sarà più bello».
Cinque gare ma sembrano un intero campionato per il nuovo Vico costruito in fretta e furia per il finale di campionato dal ds Buonomo; una struttura che ha subito però mostrato di essere solida e di poter reggere l’impatto probabile con la serie maggiore. Merenda le racconta sottolineando quanto sia importante per la società e per i calciatori la vittoria del campionato: «Sono arrivato qui da svincolato perchè non avevo trovato progetti validi, è difficile trovarne in questo momento, sono sceso di categoria dalla D chiamato dal ds Buonomo ed ho sposato subito la causa con dedizione, sacrificio e abnegazione, facendo sacrifici per il raggiungimento dell’obiettivo finale. Per noi è importante dopo che a marzo la squadra è stata riscostruita, non è stato facile ma siamo un bel gruppo, pieno di gente importante che si è subito calata nella mentalità. Personalmente sto facendo bene, sto cercando di aiutare i più giovani e i compagni ed il mister hanno riconosciuto questo impegno che è quello che mi ero prefissato. Abbiamo tutte le credenziali per far bene».
Si è subito creato un legame stretto con l’allenatore Ciaramella e questa sinergia ha fruttato cinque vittorie consecutive: «Il mister ci incita e trova sempre le parole giuste per motivarci, si è creato un gran rapporto, sotto l’aspetto umano l’allenatore è una grande persona».
Merenda ci tiene a sottolineare che il Vico non si guarda le spalle, seppure il Torrecuso aspetti un passo falso famelico e pronto ad attaccare la preda: «Noi prepariamo la nostra partita, pensiamo a noi, non ad altro. Abbiamo preso l’impegno di vincere il campionato e faremo di tutto per farlo, non pensiamo a chi ci sta dietro».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!