Tiro alla fune: Lubrensis campione d’Italia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Fermo – Si può dire completato il percorso di crescita esponenziale della Lubrensis, la fortissima squadra di tiro alla fune di Massalubrense che domenica ha conquistato in due categorie il titolo di campione d’Italia, strappandolo ai rivali storici, i Cobra padroni di casa sempre vincenti nel confronto con i costieri nelle ultime manifestazioni. Un avvertimento era già arrivato negli scorsi mesi, quando la Lubrensis aveva partecipato al Torneo Internazionale svoltosi in Olanda conquistando una storica e significativa medaglia di bronzo che faceva pregustare importanti successi nei confini italici.
Una rivalità che spinge questo sport particolare ai massimi livelli nazionali e che porta le due squadre a poter competere con le formazioni più forti al mondo. Questa vlta però, nella tana del lupo, ad uscire vincente dopo cinque anni di tentativi è stata la squadra formata da Eugenio Gargiulo, Luigi Terminiello, Aniello D’Esposito, Francesco Vinaccia, Raffaele De Gregorio, Giuseppe Russo, Giovanni De Gregorio, Antonino Cacace, Benedetto De Gregorio, Maurizio Esposito, Michele Gargiulo. Luca Gargiulo, l’allenatore Filippo Saturno e guidata dall’esperto coach Sandro Gargiulo.
Dopo tentativi numerosi e grandi sacrifici nei durissimi allenamenti ai quali la squadra si è sottoposta per competere finalmente a livello nazionale sono arrivati gli straordinari risultati. 680 e 720 kg le due categorie nelle quali la Lubrensis ha conquistato la palma tricolore battendo ben sette compagini pur essendo l’unica a partire dall’intero sud Italia. Una soddisfazione enorme. Forti della vittoria nel girone i massesi, dopo le due semifinali che hanno visto la Lubrensis vincere contro il Santa Vittoria Porto San Giorgio e i Cobra Fermo superare i Black Bull Camaiore, hanno affrontato nuovamente i rivali storici in una finale entusiasmante per gli amanti di questo sport. La prima tirata si è conclusa a favore dei Cobra per somma di falli lubrensi, poi con una rimonta fantastica gli uomini di Gargiulo sono riusciti a strappare la vittoria finale.
Felicissimo il coach Gargiulo che ha commentato il raggiungimento dell’obiettivo con queste parole: «Siamo saliti a Fermo consapevoli delle nostre forze e dei nostri enormi miglioramenti, però ovviamente non avendo punti di riferimento non puoi fare nessun calcolo. Non eravamo al top come in Olanda però adesso i nostri atleti hanno raggiunto comunque uno stato fisico-tecnico altissimo. Il Cobra resta una squadra fortissima e di sicuro ci affronteremo tante altre volte e da loro abbiamo imparato tanto. Ormai abbiamo creato un gruppo fortissimo e soprattutto unito, un gruppo che nonostante faccia uno sport che richiede tantissimi sacrifici senza nessun ritorno economico continua ad allenarsi senza tregua. Crediamo in questo sport e sappiamo già in cosa e quanto possiamo ancora migliorare. Ora aspettiamo la gara in casa di maggio per le restanti due categorie! Grazie a tutti i nostri sponsor ed a tutte le persone che da 5 anni a questa parte hanno sempre creduto in noi e ci hanno sempre sostenuto». Tutti pronti, il prossimo mese, a sostenere una squadra che sta portando in alto il nome di Massalubrense e di tutta la penisola sorrentina!

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!