Guarracino: “Buona prova, a viso aperto anche contro il Vico”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Agnello – E’ un Guarracino tranquillo quello che commenta la sconfitta con il Torrecuso. Un 1-3 che non dice tutto sulla partita che a larghi tratti ha mostrato un Sant’Agnello per nulla intimorito dall’impressionante potenziale offensivo degli avversari secondi in classifica: «Abbiamo fatto una bella partita, la suadra è in salute ma si può perdere contro il Torrecuso, siamo comunque contenti, peccato per le assenze di Gargiulo e Fiorentino bloccato da una influenza, nel secondo tempo voleva entrare ma dobbiamo cercare il punto in una partita più aperta, gli avrei fatto rischiare troppo e il ragazzo non lo merita». Manca un punto alla compagine del presidente Negri per la salvezza matematica, senza voler guardare le altre squadre coinvolte nella lotta salvezza che nell’ultimo turno hanno indovinato risultati importanti: «Tutti risultati come da pronostico -continua Guarracino – ma la salvezza è ad un passo, ci serve un punticino, sapevamo già che sarebbe stato così, se non sarà nella prossima gara bisognerà guardare oltre ma se l’Atri non vincerà saremo salvi».
Continua l’analisi della sconfitta con il Torrecuso del mister che si protende già verso il prossimo derby con il Vico: «>Non siamo preoccupati, ci basta un pari e ce la giocheremo a viso aperto, sabato abbiamo tenuto la squadra bella alta contro i loro forti uomini d’area, Montaperto è stato colto tante volte in fuori gioco, poi è arrivato l’episodio del rigore ma non abbiamo protestato, va bene così».
Qualche dolore di troppo sulla fascia mancina, dove Agata è entrato in tutte le azioni da rete degli ospiti, procurandosi il rigore e servendo due assist per le reti di Montaperto e Zerillo: «Agata è specializzato nelle promozioni, ha vinto gli ultimi sette campionati nel quale ha giocato, il primo a Pianura l’abbiamo vinto insieme sette anni fa, poi è stata una escalation, conosciamo le sue qualità ma anche sulla fascia dove ha operato il lavoro che abbiamo fatto non mi è dispiaciuto».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!