Fortitudo Sorrento, Cascella:”Grazie di cuore a tutti”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

CascellaÈ entrato in corsa e forse neppure lui sapeva se veramente la missione salvezza era possibile. Stiamo parlando di coach Enrico Cascella che, svestiti i panni del giocatore, si è messo in panca per condurre la Fortitudo Sorrento alla salvezza.
“Volevo concludere con una vittoria questo “esordio”, ma forse la poca esperienza ci ha fatto giocare male la partita. Alla fine va bene così”.
Il giovane allenatore che in corso d’opera è subentrato a Michele di Maio è riuscito a condurre i bianco verdi alla permanenza in Promozione.
“Ringrazio tutta la società della Fortitudo Sorrento in primis la presidentessa Giuseppina Stinga per questa opportunità data per migliorarmi in futuro. Un grazie speciale a tutti i ragazzi che mi hanno sopportato e mi hanno sempre appoggiato anche quando commettevo qualche errore”.
Ci sono ringraziamenti per tutti quelli che sono stati vicini alla compagine sorrentina.
“Non posso dimenticarmi di un gruppo di amici che mi hanno seguito in tutte le partite in casa che mi hanno si preso in giro ma anche sostenuto e ed hanno visto che bella è la pallacanestro – conclude Enrico Cascella -.Questi scherzosamente si sono presi il nome di ULTRAS DEL COACH (fonsy, busanca, renato, emanuele, mario, boooob, leo) li ringrazio perché come nella vita anche nello sport gli amici sono sempre un fattore fondamentale”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!