Fabinho fa il diavolo e manda all’inferno il Sorrento

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Non basta al Sorrento il goal di Salvi (foto Penna)

Non basta al Sorrento il goal di Salvi (foto Penna)

Ultima fermata Perugia? Il treno del Sorrento subisce l’ennesimo stop e complice il rush di Carrarese e Barletta resta fermo al capolinea della Prima divisione.
I toscani fanno il sacco a Catanzaro, i pugliesi piazzano tre sberle al Prato, mentre la magia di Fabinho fa piombare all’inferno i rossoneri.
Lo spettro del Sorrento, sempre vincente negli ultimi tre incontri al Curi, lentamente scompare.
I grifoni non fanno impressione, anzi, ma alla seconda conclusione fanno goal.
La partita da difficile diventa sempre più difficile.
In un sol colpo lo spettro della Seconda divisione è reale. Il cambio di allenatore non ha portato gli sviluppi sperati, gli innesti di gennaio non hanno fornito il salto in avanti. In soldoni: non quadra nulla.
Se l’impianto umbro era sempre stato il parco giochi preferito dei campani, adesso diventa la sala delle torture.
Dopo il goal, però, i padroni di casa si rintanano per colpire Di Nunzio e compagni in contropiede, ma di varchi il Sorrento decide di non aprirne.
Quando Dettori manda in mille pezzi la ragnatela alla’incrocio è davvero difficile pensare a rialzarsi.
L’uno a zero, però, è una molla e i costieri premono.
Se la mente e al campo, le orecchie sono alla radiolina e in un sol colpo la calda domenica d’aprile da nera potrebbe diventare serena. Infatti, Salvi pareggia al Curi e il Catanzaro recupera contro la Carrarese. Nuove speranze che Fabinho decide di far sparire presto.
Il brasiliano si ricorda delle sue qualità e mette la palla alle spalle dell’estremo difensore sorrentino.
Game over e tutto da rifare in tre partite che sembrano davvero la “Spada di Damocle” tra il baratro e la fiammella dei play-out.

Perugia – Sorrento 2-1
Perugia (4-3-3): Koprivec;  Moscati, Russo, Massoni, Liviero; Dettori (92’ Garcia), Esposito, Nicco; Politano (84’ Rantier), Ciofani, Fabinho. A disposizione: PInti, Lebran, Italiano, Clemente, Tozzi Borsoi. Allenatore: Camplone.
Sorrento (3-5-2): Rossi; Ciampi, Di Nunzio, Terminiello; Salvi, Beati (88’Musetti), Arcuri (74’ Konan); Guitto (53’ Corsetti), Bonomi; Bernardo, Tortolano. A disposizone: Frasca, Fusar Bassini, Kosodinovic, Ferrara. Allenatore: Papagni.
Arbitro: Pezzuto di Lecce (Maspero/Leali)
Reti: 31’ Dettori (P), 76’ Salvi (S), 82’ Fabinho (P).
Ammoniti: Esposito, Nicco, Konan.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!