Sorrento, Avallone: “E’ dura, ma bisogna ripartire

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Morale decisamente giù per il ds Avallone (foto Penna) dopo la sconfitta con il Pisa

Morale decisamente giù per il ds Avallone (foto Penna) dopo la sconfitta con il Pisa

“ È  dura, ma bisogna ripartire”. Questa è la ricetta del direttore sportivo del Sorrento, Salvatore Avallone.
“Non è andata come ci aspettavamo, ma abbiamo ancora quattro gare per poter approdare ai play-out”.
Un match iniziato male e finito ancora peggio.  Il vantaggio del Pisa in apertura, il pari e il colpo del ko a pochi minuti dalla fine.
“Ho sperato che il risultato del campo avrebbe potuto essere quello di parità, ma ancora una volta un episodio ci ha condannati”.
Era però chiaro che il signor Minelli non appena avesse potuto avrebbe compensato la massima punizione assegnata ai rossoneri anche in considerazione del fallo non fallo di Salvi. Poi all’ultimo assalto Tulli prende posizione, Nocentini lo strattona e per il fischietto lombardo assegnare il rigore è la conseguenza logica del fallo.
“Si era capito anche dagli spalti che dovevamo tenerli lontano dall’area – evidenzia Avallone -. Nocentini ha forse compiuto l’unico errore della gara che è costato salato”.
Sebbene negli scontri diretti il Sorrento sia nella peggiore condizione possibile nei confronti di Barletta e Carrarese e con un calendario difficile ha la chance di giocarsi tutto nei 360 minuti finali.
“L’obiettivo è arrivare un punto avanti alle nostre dirette concorrenti. Ci sono ancora 4 partite e due le faremo in casa anche se sembra una maledizione la situazione di non riuscire più a vincere”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!