Massa Lubrense, Gargiulo sbotta:”Che brutto primo tempo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Mister Gargiulo non le manda a dire:"Male la prima frazione"

Mister Gargiulo non le manda a dire:”Male la prima frazione”

“Felice? Solo del secondo tempo”.
Luigi Gargiulo è un fiume in piena. Accetta il pari, ma proprio non manda giù lo sciatto primo tempo con cui il Massa ha affrontato la Libertas Stabia.
“Nella prima frazione abbiamo rischiato tanto, troppo – spiega il tecnico nero azzurro -. Puntavamo a superarli e non ci siamo riusciti. Peccato. Il rammarico maggiore è che la strigliata negli spogliatoi poi sia servita”.
Rammarico a parte il Massa della seconda parte di campionato è andato un po’ a corrente alternata. Gare si, gare no. Infortuni e il lento assestarsi a metà della graduatoria.
“Giocheremo fino alla fine per fare del nostro meglio – commenta Gargiulo -. Di guardare a quelle davanti non ci penso proprio. Guardo a quelle che seguono e potrebbero superarmi e dovrebbe farlo anche la squadra”.
Aveva accennato alla possibilità di dare spazio ai più giovani nel finale di stagione il trainer massese che alla fine cercherà di far quadrare il cerchio con il giusto mix tra più esperti e ragazzi della juniores.
“La strada è questa – conclude l’allenatore costiero -. Spazio per tutti sempre giocando la partita con il massimo impegno come abbiamo fatto fin qui perché di perdere altro terreno non mi va”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!