Sorrento: Parte la missione per sfatare l’Italia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Staccare la spina per un paio di giorni senza partita alla domenica è forse stata la cosa migliore per i giocatori del Sorrento.
La pressione a cinque giornate dalla fine cresce, mentre il vantaggio sulla Carrarese diminuisce.
In alcuni frangenti non deve essere semplice allacciarsi gli scarpini e mettersi in gioco, ma è questo il bello ed il brutto di uno dei mestieri più ambiti del mondo.
Lo spettro dell’Italia incombe. Si proprio così: spettro.
Tra le mura amiche i rossoneri proprio non riescono a vincere. Una maledizione o un sortilegio? Nessuno lo sa, ma dallo scorso 16 settembre quando Zanetti e Corsetti realizzarono le due reti che sigillarono il 2-0 sono trascorsi ormai 6 mesi.
Di occasioni gettate al vento i costieri ne hanno avute a bizzeffe con Bucaro prima, e Papagni poi, ma di tornare ad ottenere 3 punti resta la più bella sorpresa che i supporter della curva Nord si aspettano dalla sfida contro il Pisa.
Forse è uno degli avversari più scomodi quello toscano per iniziare la quaresima calcistica del Sorrento. Dopo i toscani, Perugia, Catanzaro, Frosinone e Nocerina. Tre match in casa, 2 in trasferta, ma il dilemma amletico del vincere o non riuscire a vincere.
Guardando la classifica sembrano tutti i match non alla portata di Di Nunzio e compagni che di chance ne potrebbero avere contro il Catanzaro e forse al cospetto di una Nocerina appagata dal piazzamento play-off.
All’assalto della manita di gare che separano gli uomini di Papagni dagli agognati play-out è partito. Il peso con molta probabilità graviterà su un attacco ritornato, leggermente, più prolifico.
Se il tecnico pugliese pensa di poter tornare al quadrato 4-4-2 c’è chi è pronto ad esultare. Si tratta di Claudio Corsetti che in questa stagione ha giocato un po’ ovunque con risultati altalenanti, ma che lo hanno fatto salire sul primo gradino del podio dei marcatori rossoneri con 4 reti.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!