Sorrento serve la svolta allo stadio Italia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Alla fine è riuscito a sbloccare anche la casella dei pareggi esterni il Sorrento dopo lo 0-0 contro il Barletta.
I punti raccolti dai rossoneri lontano dall’Italia si avvicinano a grandi falcate a quelli ottenuti tra le mura amiche. Infatti, il bottino che i costieri hanno strappato alle dirette avversarie all’impianto di via Califano si attesta a quota 10, mentre 7 sono i punti ottenuti in giro per il Centro-Sud nelle gare esterne.
Alla fine se il problema del girone di andata era il rendimento lontano dalla penisola, adesso sorge il problema che in casa qualche cosa non va.
La cura Papagni ha portato 4 punti nelle sfide a chilometri di distanza dalla “città del Tasso”, mentre un solo punto è stato ottenuto all’Italia, contro l’Andria, nelle tre gare giocate a Sorrento.
Se nel corso dell’era Bucaro i rossoneri erano una formazione abbastanza casalinga, adesso si riscoprono più solidi lontano dalla terre delle sirene.
Una evoluzione iniziata in quel di Gubbio sotto l’ex tecnico. Prima vittoria in terra “straniera” classifica che alla sedicesima giornata cambia, ma per poco. Il ritorno si conferma un calvario per l’undici del tecnico pugliese che dal suo insediamento ha ottenuto 5 punti (1 vittoria, 2 pari, 4 sconfitte).
Se si vuole andare a fondo Bucaro e Papagni hanno ottenuto due 0-0 a testa, mentre il dato positivo è quello delle segnature fatte. Con l’ex allenatore dell’Andria i costieri sono riusciti ad andare a segno cinque volte in sette gare, una media quasi di un goal a partita.
Gli interrogativi restano. Il mister ex Avellino ha sposato in pieno il progetto giovane, ma in corso d’opera con il mercato ancora aperto e obiettivi prefissati è stato allontanato, adesso Papagni se da una parte sta sfruttando i nuovi innesti, dall’altra non ha impresso quel cambio di marcia che la società voleva dare sostituendo il tecnico.
Il fattore Italia resta determinate. Ripartire a costruire la salvezza partendo dallo stadio casalingo è d’obbligo per un Sorrento, che, fuori casa, farà visita al Perugia e al Frosinone in piena bagarre play-off.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!