Il punto dell’esperto a cura di Claudio De Vito

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il punto dell’esperto sul girone B dell’eccellenza campana è affidato ancora una volta al collega irpino Claudio De Vito.

Una salutare pausa di riflessione era ciò di cui necessitava il girone B di Eccellenza, travolto dalla bufera sull’asse Vico Equense-Angri. L’apertura del Vaso di Pandora dei rimborsi, infatti, ha mortificato non poco il calcio giocato, il quale non vedeva l’ora di rifugiarsi nella sosta per preparare i verdetti di aprile. A partire inevitabilmente dal responso in vetta, dove resta una sola lunghezza a fare la differenza tra Vico Equense e Torrecuso. La capolista, definitivamente riabilitata dalla prova di forza di Capaccio, non appare in questo momento una squadra in grado di perdere punti per strada. Il cammino degli ultimi 360’ presenta un coefficiente di difficoltà simile per le due contendenti. Con l’Angri Calcio nella stessa veste indossata contro il Torrecuso (in casa doriana la smobilitazione è definitiva), il vero ago della bilancia potrebbe essere la Virtus Scafatese la quale ha dimostrato di non fermarsi davanti a niente pur essendo l’obiettivo play-off lontano anni luce. Canarini in casa della formazione di Santosuosso alla penultima ed in casa propria ad attendere la battistrada azzurro-oro all’ultima curva. Chi sbanda, e questo oramai è un dato acquisito, sarà chiamato a presentarsi direttamente agli spareggi-promozione nazionali il 26 maggio. Palmese, Real Trentinara e Angri hanno alzato bandiera bianca scivolando a -14 dalla seconda. Pertanto, alzi la mano chi crede che su dodici punti ancora in ballo cinque possano essere rosicchiati dalle tre sorelle e, di conseguenza, riaprire lo scenario play-off all’interno del girone. Davvero pochi si suppone. Come quelli che non avrebbero scommesso sulla salvezza con largo anticipo di Cicciano e Massa Lubrense. Ad un passo dal seguirli il Sant’Agnello, che può confermare la prenotazione della salvezza già alla ripresa con l’U.S. Angri. In coda, dunque, l’ultimo posto utile per mantenere la categoria in via diretta è sospeso tra Città di Campagna e Calpazio. Tuttavia l’infinito letargo dell’Atripalda potrebbe regalare ad entrambe la festa anticipata ed evitare così che lo scontro fratricida si protragga fino all’ultima giornata, quando si ritroveranno di fronte.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!