Sorrento e Barletta non si fanno male

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Barletta e Sorrento si dividono la posta in palio nel giorno in cui la cittadina pugliese ricorda il compianto suo concittadino Pietro Mennea.
Serve a tutto e a niente lo zero a zero maturato al Putilli perché la Carrarese vince in trasferta a Gubbio ed accorcia le distanze dalla coppia che la precede.
Pari anche nelle clamorose occasioni avute dai rossoneri e bianco rossi. Nel primo tempo Musetti fallisce clamorosamente a due passi da Liverani il più classico dei tap-in, mentre nella ripresa è La Mantia a far restare in gola l’urlo del goal ai suoi tifosi.

In serata il resoconto del nostro inviato a Barletta Michele Gargiulo

Barletta – Sorrento 0-0
Barletta (3-5-2): Liverani; Burzigotti, Camilleri, Di Bella; Molina, Prutsch, Allegretti (C), Dezi, Calapai (34’st Pippa); Barbuti (18’st La Mantia), Simoncelli (29’st Cicerelli). A disposizione: Pane, De Leidi, Meucci, Meduri. Allenatore: Orlandi
Sorrento (3-5-2): Rossi (C); Balzano (16’pt Fusar Bassini), Ciampi, Terminiello; Kostadinovic, Salvi, Beati, Guitto (39’st Totrtolano), Bonomi; Musetti (25’st Corsetti), Bernardo. A disposizione: Polizzi, Ferrara, Esposito, Iuliano. Allenatore: Papagni.
Arbitro: Gianluca Benassi di Bologna
Note: Ammoniti: Barbuti, Kostadinovic, Molina. Rec.: 1’pt, 3’st

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!